<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Nasce Greta, e le etichette diventano eco-compatibili

ricerca greta - nonsoloambiente

Greta, diminutivo di Green Tags, è il progetto di ricerca di interesse nazionale nato grazie al coordinamento dell'Università di Bologna presentato il 10 Febbraio scorso presso il Dipartimento di Ingegneria dell'Energia Elettrica e dell'Informazione "G. Marconi".

L’obiettivo del progetto è quello di studiare e realizzare sistemi elettronici con etichette (tags) wireless a basso costo, eco-compatibili ed in grado di rilevare parametri fisici. Le etichette saranno localizzabili ovunque e realizzate stampando direttamente i circuiti elettronici su materiali eco-compatibili riciclabili come la carta o il polietilene. Le tags dovranno essere energeticamente autonome, quindi senza batterie.

"Studieremo architetture di comunicazione e tecnologie elettroniche a basso consumo energetico - spiega Marco Chiani, docente di Telecomunicazioni dell'Alma Mater e responsabile del progetto - raccogliendo energia da vibrazioni e da radiazioni presenti nell'ambiente, ovvero quelli che vengono chiamati sistemi di harvesting energetico".

Cosa pensano gli italiani della sostenibilità? Scoprilo con l'ultimo  Osservatorio sulla sostenibilità!

Le applicazioni nell'ambito della cosiddetta Internet of Things riguardano i campi più disparati: si va dalla logistica, alla sicurezza, all’energia, sino ai consumi ed alla salute.
Alcuni campi di applicazioni riguardano per esempio la localizzazione e il controllo dei movimenti di persone autorizzate o merci abilitate al transito in determinate aree, il monitoraggio di parametri ambientali, il monitoraggio di pazienti, di personale medico e paramedico, di farmaci e di attrezzatura sanitaria.

"Il potenziale economico di queste etichette - continua Chiani - è notevole. Si stima che il mercato dei soli sistemi di localizzazione, i real-time locating systems, ammonterà a più di 4 miliardi di dollari nel 2022". Nel quadro della ricerca europea delineata in Horizon 2020 le possibili applicazioni riguardano i settori eHealth (sensori poco invasivi per il monitoraggio di parametri biometrici - ad esempio cerotti smart - o dei farmaci), ICT for food (etichette su supporto cartaceo con a bordo sensori per il monitoraggio del bene lungo la filiera produttiva e di distribuzione, ad esempio catena del freddo) e Factories of the future (tracciamento e monitoraggio dei beni durante il processo produttivo).

Il progetto coordinato dell’Università di Bologna e finanziato dal Ministero dell'Università e della Ricerca con 1,1 milioni di euro, vede la partecipazione di gruppi di ricerca delle Università dell'Aquila, di Ferrara, di Pavia e di Perugia, oltre all'interesse di industrie ed università straniere come il Mit di Boston, il KTH di Stoccolma, il CTTC di Barcellona.

Scarica l'eBook: 4 premi per la sostenibilità ambientale

Tags: Studi e ricerche