<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Lo stile di vita sostenibile degli italiani

Stile di vita sostenibile - Nonsoloambiente

Consumatori sempre più informati e attenti sul tema della sostenibilità. È quanto emerge dall’Osservatorio nazionale sullo stile di vita sostenibile, realizzato da LifeGate con l’obiettivo di mostrare quali sono le scelte e le abitudini virtuose dei cittadini italiani.

Parlare oggi di sostenibilità vuol dire anche considerare il grado di consapevolezza che i consumatori hanno della tematica. I dati emersi dalle ultime ricerche del settore mostrano un incremento a doppia cifra delle scelte sostenibili dei consumatori: oltre 34 milioni di cittadini prestano attenzione all’impatto ambientale e sociale dei prodotti e dei servizi che acquistano.

 

Raccolta differenziata, acquisto di prodotti a filiera corta, autoproduzione di energia e attenzione al turismo e alla mobilità sostenibili, sono le aree alle quali gli italiani prestano sempre maggiore attenzione. E sono i cittadini compresi tra i 30-45 anni quelli più virtuosi e soprattutto informati. Inoltre i dati che rivelano che la sostenibilità è la scelta per un futuro migliore sono quelli legati ai progetti. Infatti secondo l’Osservatorio nazionale sullo stile di vita sostenibile, realizzato in collaborazione con l’Istituto di ricerca Eumetra MR, il 73% degli intervistati dichiara di voler scegliere materiali naturali per costruire la propria casa, mentre il 70% desidera una casa efficiente dal un punto di vista degli sprechi energetici, grazie all’autoproduzione di energia.

 Vuoi scoprire le iniziative che premiano i progetti aziendali legati alla  sostenibilità ambientale? Scarica il nostro ebook!

Un cambiamento di rotta che taglia via l’etichetta “argomento di moda” ad un tema così importante e come la sostenibilità. Non solo i consumatori sono attenti all’ambiente, ma anche le imprese. In Italia sono numerosi i casi di aziende virtuose che hanno integrato pratiche di CSR all’interno del proprio core business, con l’obiettivo di rispondere tempestivamente alle sempre più esigenti richieste dei consumatori.

 

Sia per le imprese del mercato B2B che per le aziende che si rivolgono direttamente al consumatore, conoscere i cambiamenti e gli adattamenti ai nuovi trend di mercato è importante per cercare di migliorare la propria offerta e renderla più sostenibile. Per farlo è necessario avere una mole di dati da analizzare, come conferma Maria Grazia Persico, Direttore Editoriale di Nonsoloambiente.it, che ha ideato per il web magazine un servizio di market survey dedicato alla sostenibilità: il Bollettino della Sostenibilità. “Con il bollettino della sostenibilità - realizzato in collaborazione con EMG Acqua - ci siamo posti obiettivo di analizzare con cadenza semestrale conoscenza e percepito del termine sostenibilità e la sua applicazione nei vari settori merceologici. I risultati che si evincono dopo due wave è che, nonostante vi sia un leggero aumento nelle preferenze d’acquisto rispetto a beni prodotti da aziende che dimostrino realmente di intraprendere percorsi di CSR, in pratica il livello di consapevolezza è ancor molto basso e solo un’attenta e continua informazione potrà permettere di fare il vero salto qualitativo nell’arco dei prossimi 5 anni.

 

È chiaro quindi che oggi i consumatori sono sempre più attenti alla sostenibilità e scelgono con più consapevolezza prodotti e servizi sostenibili. Monitorare l’evoluzione di queste scelte è dunque un'attività strategica per tutte le aziende che intendono migliorare il proprio business e il Bollettino della Sostenibilità rappresenta, grazie alla possibilità di customizzare la ricerca, un valido strumento per poter ottenere dati precisi e completi, utili a pianificare la migliore strategia di comunicazione aziendale.

market survey

Tags: Studi e ricerche