<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

La Fattoria Globale 2.0 inaugurata ad Expo 2015

La nuova area di Expo ospiterà eventi sui temi della biodiversità, sostenibilità e produttività, sviluppo e cambiamenti climatici ma anche riciclo e alimentazione.

La nuova area di Expo ospiterà eventi sui temi della biodiversità, sostenibilità e produttività, sviluppo e cambiamenti climatici ma anche riciclo e alimentazione.

La World Association of Agronomist e il CONAF, il Consiglio dell'Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali, hanno dato vita alla Fattoria Globale 2.0, un nuovo spazio all'interno di Expo 2015, definito "unità di misura per la valutazione del benessere del Pianeta. 

La Fattoria Globale, ovvero la "fattoria del futuro", nasce dall'idea dell'architetto Enzo Eusebi, ed è sita nell'area Nord Est 12 di Expo 2015, dove occupa una superficie di oltre 350 metri quadri. Al suo interno non si parlerà solo di cibo e scarti alimentari, ampio spazio verrà dato anche a temi diversi, come la salvaguardia del suolo e la pratica del riciclo, fondamentali per la tutela del nostro pianeta.

 

Vuoi sapere quali sono i 6 obiettivi UE per il 2020 sulla biodiversità? Scarica  gratuitamente il nostro ebook!

 

Grazie al CIC, il Consorzio Italiano Compostatori, che è sponsor della Fattoria Globale, verrà spiegata al pubblico l'importanza del compost, un fertilizzante naturale in grado di restituire sostanza organica al suolo e di contribuire al contenimento delle emissioni. La trasformazione degli scarti organici in compost, inoltre, favorisce notevolmente l'uso sostenibile delle risorse.

Il compost non solo migliora la qualità del suolo, rendendolo più fertile, ma permette di dire addio ai fertilizzanti chimici, ricchi di risorse non rinnovabili, e di ridurre gli scarti organici da smaltire. Con l'utilizzo del compost, il terreno è in grado di assorbire e rilasciare meglio l'acqua, trattenendo le sostanze nutritive utili alle piante.

L'impiego del compost nel suolo è sinonimo di sostenibilità ambientale, se si pensa che, come ricorda Massimo Centemero, direttore del Cic, "Secondo l'Istituto Sperimentale per la Nutrizione delle Piante, uno 0,15% di sostanza organica in più nel suolo, equivale a fissare nello stesso una quantità di CO2 corrispondente alle emissioni complessive dell'intera nazione italiana per un anno".

Il CIC, inoltre, organizzerà ben 12 eventi all'interno della Fattoria Globale, che verteranno sulle seguenti tematiche: sviluppo e identità locale, cambiamenti climatici e territori di produzione, biodiversità e miglioramento genetico, e ancora sostenibilità e alimentazione, dalla terra alla tavola.

La Fattoria Globale vi aspetta ad Expo 2015, per mostrarvi come un sfruttamento sostenibile del suolo possa non solo contribuire al benessere del pianeta, ma giovare anche a una corretta alimentazione, grazie alla qualità dei prodotti che arrivano sulla nostra tavola, trattati senza il ricorso a fertilizzanti chimici.

 

Scarica l'ebook "Comunicare un brand green: 3 iniziative di marketing per gli  animali a rischio di estinzione" 

Tags: Biodiversità