<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Pets4Pets Project, quando i bambini fanno pensare i grandi

pets4pets project - Nonsoloambiente

On-air lo spot del WWF per sensibilizzare il pubblico sulle conseguenze del cambiamento climatico. L'articolata campagna è il risultato del Progetto Pets4Pets, esperimento di sinergia tra 80 bambini di una scuola elementare e un team di esperti pubblicitari.

di Valentina Tibaldi

On-air lo spot del WWF per sensibilizzare il pubblico sulle conseguenze del cambiamento climatico. L'articolata campagna è il risultato del Progetto Pets4Pets, esperimento di sinergia tra 80 bambini di una scuola elementare e un team di esperti pubblicitari.

Un orso bianco suona alla porta di casa di una classica famiglia, in un'ancora più classica giornata di relax. Appena gli viene aperto, si introduce nell’abitazione e, cacciando in malo modo gli inquilini, vi si installa facendone scempio: sperpero di cibo in cucina, trivellazioni sul pavimento del soggiorno, grande spreco di acqua in bagno. Il pay-off finale chiarisce il parallelo con la problematica situazione dell'Artico: “E se gli orsi polari lo facessero a te? Non distruggiamo la loro casa”.

Vuoi sapere quali sono i 6 obiettivi UE per il 2020 sulla biodiversità? Scarica  gratuitamente il nostro ebook!

Questo spot del WWF, da tempo presente sul web e da qualche giorno trasmesso anche sui canali televisivi, è uno dei prodotti ottenuti dalla collaborazione tra 80 bambini delle classi V della Scuola Elementare Giusti di Milano e un team di creativi dell'agenzia pubblicitaria Leo Burnett, americana d'origine ma presente in Italia da oltre cinquant'anni. I piccoli hanno contribuito con immaginazione e idee, gli adulti con tecniche, esperienza e mezzi, dando forma insieme al progetto Pets4Pets, durato quasi un anno e presentato al pubblico a fine 2013.

La pubblicità pensata dai bambini, per far pensare i grandi” recita il claim dell'iniziativa, in una immediata dichiarazione d'intenti che ne rivela senso e scelte. E così, i bambini hanno avuto l'opportunità e la responsabilità di imparare sul campo - in classe prima, in agenzia e sul set di produzione poi- i segreti e i meccanismi che animano il mondo della pubblicità. Lasciandosi guidare da qualificati professionisti del settore (dai creativi ai fotografi, dagli illustratori ai grafici, dalle case di produzione ai registi), sono poco a poco diventati copywriter e art director a loro volta, gettando i semi e seguendo la realizzazione di un'articolata campagna in difesa dell'ambiente e degli animali che lo abitano.

I frutti dell'operazione sono tangibili, poiché le idee migliori sono state realizzate davvero, confluendo in due spot televisivi, quattro comunicati radio e otto annunci stampa, realmente diffusi sui canali nazionali. Qui sono proprio orsi polari e panda, testimonial d'eccezione scelti e umanizzati dai bambini, a lanciare direttamente il loro messaggio, una richiesta d'aiuto che è anche una call to action, in pieno stile comunicativo WWF.

Un grandissimo ringraziamento va ai creativi e ai professionisti che hanno prestato il loro impegno per questo bellissimo progetto, a cui abbiamo aderito con grande orgoglio e che valorizzeremo al meglio, utilizzando le campagne prodotte per continuare le nostre battaglie per la tutela della natura” ha detto Fulco Pratesi, fondatore e Presidente onorario di WWF Italia. “I bambini sono riusciti a realizzare dei prodotti creativi e convincenti, che sanno parlare veramente agli adulti e suggerire loro la stretta connessione che c’è tra gli animali e l’uomo”.

E se i bambini hanno parlato, agli adulti non resta che ascoltare.

Scarica l'ebook "Comunicare un brand green: 3 iniziative di marketing per gli  animali a rischio di estinzione" 

Tags: Biodiversità