<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Turismo sostenibile in Italia? C’è, ma si può fare di più

Turismo sostenibile in Italia C’è, ma si può fare di più

Il turismo sostenibile in Italia è una realtà consolidata, ma si può ancora migliorare: ecco quanto emerso dal sondaggio Omio realizzato da YouGov

La ricerca della sostenibilità sta avendo un peso sempre crescente nelle decisioni degli italiani. Questo principio vale anche nel settore turistico: la piattaforma di prenotazione viaggi Omio ha commissionato un sondaggio realizzato da YouGov, per chiedere agli italiani di autovalutarsi in termini di sostenibilità. Dal sondaggio è emerso che la maggior parte degli intervistati in Italia si considera abbastanza consapevole sulle tematiche ambientali, ma uno su cinque pensa di potersi sforzare di più.

I dati: più consapevolezza in ambito sostenibilità

Se, da una parte, i dati ci mostrano un interesse assoluto nei confronti della sostenibilità (solamente il 2% degli intervistati si è dichiarato non interessato), dall’altra gli italiani hanno mostrato una certa dose di autocritica. Il 63% degli intervistati reputa i suoi comportamenti quotidiani rispettosi dell’ambiente, ma allo stesso tempo pensa di poter fare di più. Il 17%, invece, si è dichiarato soddisfatto pienamente del suo approccio alla sostenibilità e non ritiene di dover fare di più. Infine, il 15% ritiene di non fare ancora abbastanza. Parlando di fasce d’età, la generazione più critica è la generazione Z: il 21% di coloro che hanno un’età compresa tra i 18 e i 24 anni ritiene di non avere un comportamento abbastanza rispettoso dell’ambiente.

Quali caratteristiche deve avere una struttura turistica sostenibile? Scoprilo  scaricando il nostro approfondimento!

Gli “ostacoli” maggiori al turismo sostenibile

Secondo quanto emerso dal sondaggio, i principali ostacoli ad un turismo davvero sostenibile sono rappresentati da tre fattori: costo, modalità di viaggio e durata. Nello specifico, il 41% degli intervistati vorrebbe avere a disposizione alternative di viaggio sostenibili più economiche. Per il 19% delle persone i biglietti degli autobus e dei treni sono troppo costosi per preferirli alla nave o all’aereo. Rispetto alle modalità di viaggio, il problema più grande si può sintetizzare nella scarsa informazione sulle opzioni sostenibili a disposizione. Il 35% degli intervistati ha dichiarato una mancanza di opzioni e di informazioni sulle alternative di viaggio sostenibili. Questa percentuale è ancora più alta tra le fasce più giovani. Un altro fattore determinante quando si parla di scelte di viaggio sostenibili riguarda la velocità: il 32% degli intervistati ritiene che l’autobus e il treno siano mezzi troppo lenti, mentre il 37% ritiene che questi mezzi siano meno flessibili di un’auto.

L’importanza dell’economia circolare

I viaggi sostenibili non implicano solamente un’attenzione nei confronti degli spostamenti. Al contrario, ci sono anche altri fattori altrettanto importanti, come gli alloggi: il 23% degli intervistati predilige soluzioni sostenibili in tal senso. Anche l’attenzione nei confronti dei rifiuti è massima: il 37% pensa sia importante la quantità di rifiuti da imballaggio prodotti in loco e il 48% ritiene che utilizzare prodotti riciclati sia fondamentale per fare bene al Pianeta. Un ultimo aspetto ha a che fare con le scelte alimentari: secondo il 10% degli intervistati consumare cibi vegetariani o vegani è determinante per uno stile di vita più sostenibile.

LEGGI ANCHE : Viaggi e sostenibilità: le previsioni per il 2022

Scarica l'infografica sulla sostenibilità nel turismo in Italia!

Tags: Turismo, Sostenibilità