<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Riciclo batterie al litio, la rivoluzione parte dalla ricerca italiana

Riciclo-batterie-al-litio-la-rivoluzione-parte-dalla-ricerca-italiana

Attualmente non recuperabili eppure destinate ad una diffusione esponenziale nei prossimi anni, le batterie al litio sono al centro di un progetto italiano per la ricerca di metodi ecosostenibili per il riciclo.

Con la crescente diffusione di dispositivi elettronici come tablet e smartphone, aumenta anche il numero di batterie al litio giunte rapidamente al termine del proprio ciclo vitale. Attualmente, tali scarti sono destinati a diventare rifiuti non recuperabili: non esiste ancora, infatti, un sistema sicuro per riciclarli.

Tutto ciò ha un notevole impatto sull'ambiente, destinato a diventare maggiore nei prossimi anni: basti pensare che, dal 2011 al 2013, la diffusione di batterie al litio è addirittura triplicata. Il dato, sottolineato dal Presidente Cobat Giancarlo Morandi, evidenzia l'urgenza di una soluzione che permetta il recupero di tale materiale e il suo riutilizzo sostenibile.

La situazione potrebbe cambiare a breve, proprio grazie all'Italia: la sottoscrizione di un accordo da parte di Cobat e Cnr, avvenuta a maggio 2014, si è tradotta in un ulteriore concreto passo che ha visto il coinvolgimento dell'ICCOM, Istituto di Chimica e dei Composti Organometallici.

Cosa pensano gli italiani della sostenibilità? Scoprilo con l'ultimo  Osservatorio sulla sostenibilità!

La ricerca si concentrerà sulla messa a punto di un processo tecnologico in grado di rendere sicuro, affidabile ed ecosostenibile il recupero delle batterie al litio, con un notevole risparmio economico e di risorse, nonché un ridotto impatto ambientale.

L'accordo sottoscritto ha valenza triennale e il primo step sarà proprio la ricerca di procedure di trattamento sostenibili per le batterie giunte al termine del proprio ciclo vitale. In questo modo sarà possibile procedere anche al recupero degli elementi riutilizzabili che vi sono contenuti. La principale criticità legata a tali operazione è l'alta infiammabilità delle batterie al litio esauste, che aumenta in caso di contatto con l'acqua.

Mettere a punto un sistema di recupero di metalli e componenti che sia sicuro ed ecosostenibile significa tagliare drasticamente la quantità di rifiuti del futuro: le batterie al litio non sono soltanto presenti nei device tecnologici, la cui diffusone è comunque oggetto di una crescita esponenziale, ma sono anche fondamentali per la realizzazione di auto elettriche, un settore destinato a crescere negli anni a venire.

Nel raccogliere questa sfida, l'Italia si rivela all'avanguardia e con gli occhi del mondo puntati: le realtà coinvolte saranno all'altezza dell'obiettivo che si sono prefissate, indicando la via a livello globale?

Scarica l'eBook: 4 premi per la sostenibilità ambientale

Tags: Studi e ricerche