<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Una falegnameria per promuovere l’integrazione sociale: il progetto K_Alma

 k-alma-falegnameria

Come unire integrazione social e design? Con un progetto davvero unico: ecco la storia della falegnameria sociale K_Alma.

Siamo tutti migranti: è questo uno dei principi ispiratori del progetto K_Alma, una falegnameria fondata nel 2016 da cittadini italiani e stranieri, con l’obiettivo di favorire l’integrazione sociale e il rispetto dei diritti e della dignità umana.

Il fenomeno delle migrazioni è sempre stato presente in Italia: dare un contributo per affrontarlo e gestirlo con efficacia ha contribuito alla fondazione di questo progetto, nato dall’iniziativa imprenditoriale di Gabriella Guido.

Ma che cos’è K_Alma? Come si legge nel sito ufficiale, si tratta di “un progetto sociale che vuole però aprirsi a fasce della popolazione in questo momento più “vulnerabili”, inoccupati o disoccupati, a chi per ragioni economiche e sociali vive un momento difficile della propria vita o magari cerca un nuovo modo di viverla”.

L’obiettivo è quello di mettere al centro il lavoro, valorizzando competenze e capacità di ognuno, combattendo disuguaglianze e iniquità sociali. La possibilità offerta dal progetto è quella di permettere ai più deboli (i migranti e i richiedenti asilo romani) di mettersi alla prova e di integrarsi in un tessuto sociale diverso, fondendo la loro identità con quella nazionale, trovando connessioni e punti d’incontro.

Vuoi saperne di più sui Criteri Ambientali Minimi in ambito edile? Scarica  gratuitamente il nostro ebook!

In che modo avviene questa integrazione? Creando un ambiente di lavoro multiculturale, vivace, creativo, dove ognuno apporta le sue competenze per dar vita a qualcosa di nuovo maneggiando il legno.

Un modo diverso di vivere l’integrazione

L’associazione K_Alma è nata nell’aprile del 2016 per lavorare su progetti specifici e per lavorare attivamente sul tema flussi migratori.

Nel 2017 l’associazione ha avuto accesso a due ambienti di 40 mq al Villaggio Globale di Roma. Il progetto prevede una parte formativa, con corsi di falegnameria organizzati con formatori locali o in collaborazione con corsi regionali, oltre ad un polo sociale, sociale e ricettivo per rimettere al centro le persone e valorizzare i rapporti umani, andando oltre le differenze culturali.

I lavori realizzati vengono venduti ed il ricavato viene utilizzato per autofinanziare le spese dell’associazione. La riconversione degli spazi adibiti alla falegnameria è stata realizzata con la preziosa collaborazione dello studio di architettura BAG, da anni impiegato in progetti di riqualificazione ispirati a principi di sostenibilità.

La falegnameria vista da altri occhi

Recentemente la falegnameria K_Alma è stata protagonista del concorso “Storie di Economia Circolare”: la realtà sociale è stata raccontata da Viola Faccioli.
Viola Faccioli scrive: 
“Rasheed indossa un paio di cuffie antirumore e la mascherina calata sul volto mentre scorre il legno sulla sega circolare. I trucioli annebbiano l’aria, negli ex bagni del Villaggio Globale, Testaccio, Roma, recuperati e trasformati lo scorso anno in una piccola falegnameria sociale. Si chiama K_alma che in lingua Hausa, uno degli idiomi più diffusi in Africa, vuol dire parola; con quel trattino in più, a separare consonante e vocale, rimanda anche all’anima. L’anima del legno, i suoi nodi, le sue venature; l’anima come movimento, come vita. Ed è qui, in questo laboratorio artigiano palestra di integrazione, che si prova a rigenerare l’uno e l’altra: a dare una seconda possibilità a tronchi, ciocchi, piani e a immaginare un futuro per rifugiati e richiedenti asilo, disoccupati e inoccupati“.

Scarica l'ebook gratuito! Edilizia sostenibile e CAM: tutto quello che c’è da  sapere

Tags: Edilizia Sostenibile