<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Olio di palma: continua il percorso verso la sostenibilità

efa01eaff4368b269c4a14f272a05fbe

Negli ultimi mesi si è acceso anche in Italia il dibattito sull'olio di palma, legato in particolare agli aspetti nutrizionali e di sostenibilità dei processi produttivi. Un incontro a Milano per fare il punto della situazione.

In Italia ormai da molti mesi si è acceso un lungo, acceso e controverso dibattito sull'olio di palma e il suo utilizzo. Per questa ragione abbiamo accolto con piacere l'invito di AIDEPI - Associazione delle Industrie del Dolce e della Pasta Italiane a partecipare al media tutorial organizzato a Milano, mercoledì 25 novembre.

Nei contributi video qui sotto un'esaustiva sintesi di quanto esposto nelle due ore di incontro:

GUARDA L'INTERVISTA A MARIO PICCIALUTI, DIRETTORE AIDEPI

GUARDA L'INTERVISTA A GIORGIO DONEGANI - PRESIDENTE FONDAZIONE ITALIANA PER L'EDUCAZIONE ALIMENTARE

In questa sede ci interessa focalizzarci naturalmente sugli aspetti legati alla sostenibilità. Ed è indubbio che gli effetti collaterali della coltivazione dell'olio di palma, sull'ambiente in primis, siano evidenti a tutti. Deforestazione, messa a repentaglio della biodiversità e stravolgimenti sociali nel Sud Est asiatico sono macchie incancellabili perpetrate in passato da queste produzioni. Ma è altrettanto sotto gli occhi di tutti l'impegno delle industrie europee - utilizzatrici finali della materia prima - di ridurre questo impatto tramite la responsabilizzazione della filiera attraverso l'adozione di disciplinari di produzione e l'istituzione di organismi di certificazione che saggino il grado di sostenibilità della stessa.

Vuoi rendere la tua logistica più sostenibile? Scopri il Marchio di Logistica  Sostenibile!

Insomma, in una fase storica in cui i corpi intermedi - e le associazioni di categoria si annoverano naturalmente tra questi - vengono ritenuti nel migliore dei casi un orpello da ancien régime. AIDEPI dimostra di non cadere in una spirale di inazione e mera auto difesa ma di pungolare i propri associati verso obiettivi di eccellenza qualitativa e sostenibile sempre maggiori. Un merito non da poco in un Paese votato alla conservazione.

Non bisogna però correre il rischio di guardare il dito e non la luna. La vera sfida è comprendere come sfamare una popolazione che sta crescendo a ritmi vertiginosi, combattendo con ogni mezzo lecito le disuguaglianze di accesso al cibo e lo spreco alimentare.
Sicuramente accrescere la consapevolezza - in tal senso merita una lettura la recentissima ricerca TNS "Palm oil perception" - e la cultura del consumatore su questi temi è una battaglia da condurre fianco a fianco perché ne va della prosperità di tutti, nessuno escluso.

Scarica l'ebook gratuito:  SOSLog, il primo marchio per certificare la logistica sostenibile in Italia 

Tags: Filiera sostenibile