<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Sostenibilità e filiera vitivinicola: i chiarimenti sulla certificazione

Sostenibilità e filiera vitivinicola i chiarimenti sulla certificazione

Nel 2022 è stato approvato il Decreto che valorizza le best practice di sostenibilità nel settore vitivinicolo. Ecco alcuni chiarimenti sulla certificazione esposti dal Ministero.

Nel marzo 2022, il Mipaaf ha reso nota l’approvazione del Disciplinare del sistema di certificazione della sostenibilità del settore vitivinicolo. La normativa, molto attesa dagli operatori di settore, nasce per certificare e per valorizzare tutte quelle pratiche virtuose in materia di sostenibilità messe in atto nel settore vitivinicolo. Per quanto riguarda l’iter di certificazione per il 2022, gli standard di riferimento sono quelli previsti dal Sistema di Qualità Nazionale di Produzione Integrata (SQNPI). A tal riguardo, il Ministero ha ritenuto opportuno rendere noti alcuni chiarimenti sulle modalità di accesso alla certificazione e dall’iter da sottoporre all’Organismo di controllo (OdC).

Cosa si intende con "dal produttore al consumatore"? Scarica il nostro  approfondimento sulla strategia "From Farm to Fork"!

Gli standard di riferimento SQNPI

Il primo chiarimento reso noto dal Ministero è che la certificazione potrà seguire, per l’anno in corso, solamente i requisiti definiti dallo standard SQNPI. Non sono da prendere in considerazione, ad oggi, tutti gli allegati al decreto, perché entreranno all’interno del disciplinare solamente a partire dal 2023. Bisogna specificare anche che tutti i sistemi di certificazione già esistenti potranno dare disposizione ai propri iscritti di attenersi ai criteri SQNPI per l’acquisizione della certificazione di sostenibilità, per poi completare l’iter di conformità ai predetti sistemi attraverso verifica di requisiti aggiuntivi. 

LEGGI ANCHE >> Nasce il Food&Beverage Sustainability Italian Benchmark

Le modalità di certificazione

Per ciò che concerne le modalità di certificazione, l’Organismo di Controllo è deputato alla verifica di conformità sul processo e ad attenersi ai criteri SQNPI per dare un responso. Il rilascio del “certificato di sostenibilità vitivinicola” ai sensi dell’art. 224 ter, comma 1, della Legge n. 77/2020 è dunque legato alla valutazione dell’OdC.

Come ottenere la certificazione

Ad oggi, tutte le aziende vitivinicole interessate alla certificazione di sostenibilità possono avviare l’iter seguendo le disposizioni del Mipaaf e accertandosi di avere tutti i requisiti richiesti per l’iscrizione al sistema SNQPI. L’OdC sarà poi deputato alla verifica dei requisiti e delle procedure aziendali, per valutare la concessione della certificazione.

la strategia from farm to fork

Tags: Agroalimentare, Ambiente