<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

IEA: rinnovabili seconda fonte entro il 2016

FER - nonsoloambiente

Secondo il rapporto dell’International Energy Agency, entro tre anni le FER doppieranno il nucleare e supereranno anche la produzione di gas.

Nonostante la crisi, le rinnovabili si confermano un settore in costante espansione, tanto da apprestarsi a diventare, entro il 2016, la seconda fonte di energia dopo il carbone. E’ quanto emerge dalla seconda edizione del rapporto Medium-Term Renewable Energy Market stilato dall'Agenzia Internazionale per l'Energia (IEA- International Energy Agency) e presentato nei giorni scorsi a Roma.

Vuoi sapere quanto gli italiani sono informati sulle fonti rinnovabili? Clicca qui per scaricare l'abstract della ricerca

Nonostante la crisi, le rinnovabili si confermano un settore in costante espansione, tanto da apprestarsi a diventare, entro il 2016, la seconda fonte di energia dopo il carbone. E’ quanto emerge dalla seconda edizione del rapporto Medium-Term Renewable Energy Market, stilato dall'Agenzia Internazionale per l'Energia (IEA- International Energy Agency) e presentato nei giorni scorsi a Roma.

Secondo lo studio, entro il 2016 la produzione di energia da idroelettrico, eolico, solare e altre fonti rinnovabili in tutto il mondo supererà quella da gas e diverrà doppia rispetto al nucleare. Più lenta invece la crescita della produzione di calore da fonti rinnovabili: i biocarburanti ad esempio aumenteranno il loro apporto energetico entro il 2018 di solo l'1%, passando dal 3% al 4% del totale.

Nei prossimi cinque anni, come si vede dall'immagine qui sotto, le fonti non fossili dovrebbero aumentare complessivamente del 40%, fino ad arrivare a rappresentare circa un quarto della produzione di energia a livello globale, una crescita esponenziale rispetto al livello del 20% raggiunto nel 2011.

 

FER table - nonsoloambiente

“Le fonti energetiche rinnovabili sono sempre meno costose e stanno dimostrando di essere in grado di sopravvivere con le proprie forze, nonostante la riduzione generalizzata degli incentivi”, ha dichiarato il direttore esecutivo dell’IEA Maria van der Hoeven. “Questa è una buona notizia per un sistema energetico globale, che ha bisogno di diventare più pulito e più diversificato, ma non deve diventare una scusa per i governi per non fare la propria parte, attuando adeguate politiche energetiche a lungo termine”.

Scarica l'ebook gratuito!  Strategia Energetica Nazionale, sfide e potenzialità dell'Italia verso il 2030

Tags: rinnovabili