<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Milano è sulla strada giusta: la cultura diventa motore di sostenibilità

Milano e la mobilità sostenibile - nonsoloambiente

Milano guida la corsa alla mobilità sostenibile, confermandosi la realtà italiana più avanzata in sharing mobility. Tra i principali motori del cambiamento, un piano urbano ben strutturato e diverse iniziative culturali che promuovono stili di vita sostenibili: domenica 9 giugno il Duomo di Milano ospiterà la settima edizione del concerto sinfonico organizzato dalla Filarmonica della Scala, gli organizzatori chiedono al pubblico di arrivare in Piazza Duomo utilizzando solo mezzi pubblici e ai propri collaboratori l’utilizzo di borracce, per un evento senza plastica.

Nel 2018 Milano si è posizionata tra le 10 migliori città a livello mondiale, secondo il report elaborato da McKinsey, “Elements of success: Urban transportation systems of 24 global cities”. Un riconoscimento importante, per una città ormai diventata polo di interesse politico, economico e culturale a livello internazionale. Notizia di pochi giorni fa, la candidatura ad ospitare la prossima COP26, la Conferenza Onu sul clima, nel 2020. Un annuncio che conferma Milano al centro dell’attenzione di istituzioni e cittadini. Ecco quindi che le scelte prese in questa realtà urbana diventano utili strumenti per sensibilizzare l’opinione pubblica e promuovere stili di vita consapevoli.  

Vuoi conoscere i più recenti progetti corporate di mobilità sostenibile rivolti  ai dipendenti? Scarica l'ebook gratuito!

Secondo gli ultimi dati raccolti dall’Osservatorio Nazionale Sharing Mobility, Milano sta vivendo una reale transizione da una mobilità basata sull’uso di veicoli di proprietà a servizi di mobilità condivisa: rispetto ai 7.679 veicoli in car sharing censiti a fine 2017, ben il 43% risulta essere attivo nel solo capoluogo lombardo, seguito da Roma con il 24% dei veicoli, Torino con 15% dei veicoli e Firenze con l’8%.

Un dato che non lascia spazio all’interpretazione: Milano guida la corsa alla sostenibilità. Aiutano a mantenere la direzione programmi culturali e iniziative rivolte ai cittadini e alla riduzione del loro impatto ambientale: tra i primi a partecipare attivamente a questa ondata verde, gli organizzatori del Concerto per Milano, che per l’edizione 2019 hanno scelto di promuovere un evento “plastic free” e a “mobilità sostenibile”: il 9 giugno, alle ore 21:30, la Filarmonica della Scala tornerà in Piazza Duomo eseguendo, grazie alla direzione del Maestro Riccardo Chailly, la Sinfonia n. 9 in mi minore di Antonín Dvorák e un tributo a Nino Rota, compositore italiano del Novecento, scomparso ormai 40 anni fa.

Una scelta rilevante, quella della Filarmonica della Scala, che chiede a tutto il personale impegnato nella realizzazione del concerto di utilizzare borracce in alluminio per limitare lo spreco: “L’Italia è il primo consumatore in Europa e secondo al mondo per utilizzo di acqua imbottigliata. Ogni anno – ricordano gli esperti del Comune di Milano, impegnato in prima linea nel progetto “MilanoPlasticFree” -  consumiamo 206 litri di acqua in bottiglia a testa. Dopo il breve uso, una bottiglia di plastica rimane nell’ambiente per almeno 250 anni”. Un evento gestito e comunicato con attenzione può quindi incidere positivamente sul comportamento collettivo: le edizioni passate del Concerto per Milano hanno visto la partecipazione di circa 40mila cittadini, entusiasti di poter ascoltare l’orchestra della Scala in un teatro a cielo aperto, direttamente sotto le guglie del Duomo.

Intervenire sul comportamento di questo ampio bacino di utenti rappresenta quindi una grossa opportunità per sensibilizzare i cittadini e indicare loro valide alternative ad impatto ridotto. La Filarmonica della Scala ha invitato il pubblico del 9 giugno a raggiungere l’area del concerto utilizzando i mezzi pubblici. In occasione del concerto è stato infatti definito un accordo con Trenord, che ha messo a disposizione un biglietto speciale, Trenord Day Pass, che al costo di 13 euro consentirà di raggiungere Milano da tutte le stazioni del sistema ferroviario regionale, permettendo ai ragazzi al di sotto dei 14 anni di viaggiare gratis, se accompagnati da un titolare Day Pass. Un incentivo per le famiglie, che potranno così muoversi in tranquillità, risparmiando traffico e anidride carbonica alla città.

Scarica l’ebook gratuito:  Mobilità sostenibile, opportunità e vantaggi per le aziende

Tags: mobilità sostenibile