<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Giornata Mondiale dell’alimentazione: inclusività e sostenibilità al centro

 

Giornata Mondiale dell’alimentazione inclusività e sostenibilità al centro

Il 16 ottobre si celebra la Giornata Mondiale dell’alimentazione. In questa occasione, la FAO fa il punto sulla situazione della nutrizione nel mondo e sulle sfide che ci aspettano, ponendo l’attenzione su inclusione e sostenibilità. Nessuno deve rimanere indietro in fatto di alimentazione.

L’attenzione della FAO verso temi legati all’alimentazione è sempre stata alta e costante. Tematiche come biodiversità e alimentazione sono sempre al centro di indagini, studi e iniziative portate avanti dall’organizzazione internazionale. Non stupisce, dunque, che la stessa Fondazione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura abbia indetto, già dal 1979, la Giornata Mondiale dell’Alimentazione (World Food Day) al fine di sottolineare l’importanza e l’urgenza della lotta contro la fame e la malnutrizione.

Contro la fame al fianco del sistema alimentare globale

Secondo la FAO, oltre il 40% delle persone nel mondo non può permettersi un’alimentazione sana e completa, mentre l’obesità è in continua crescita. In una situazione così squilibrata, l’obiettivo principale, a livello mondiale, è quello di creare un vero e proprio sistema di alimentazione globale basato sulla sostenibilità.

Cosa si intende con "dal produttore al consumatore"? Scarica il nostro  approfondimento sulla strategia "From Farm to Fork"!

La Giornata Mondiale dell’alimentazione 2022: non lasciare nessuno indietro

Il cibo prodotto nel nostro Pianeta sarebbe sufficiente a sfamare ogni suo singolo abitante ma, purtroppo, ancora troppe persone restano escluse dall’innovazione e dalla crescita economica. Pandemia, conflitti armati, disuguaglianze, cambiamenti climatici, aumento dei prezzi e tensioni internazionali riducono l’accesso di troppe persone ai nutrienti necessari. Ma nessuno è davvero al sicuro in un sistema globalizzato come il nostro: è come una catena in cui, se un anello si spezza, le conseguenze non possono che ripercuotersi su tutti gli altri, con un pericoloso effetto domino. In questo contesto, una nutrizione migliore è possibile solo trasformando i sistemi agroalimentari attraverso soluzioni sostenibili in grado di agire sul lungo periodo, in modo da favorire una crescita economica inclusiva e puntare sulla resilienza. Il cambiamento, quindi, deve coinvolgere tutti: dai singoli cittadini, ai governi, fino al mondo accademico e alle imprese. Ognuno deve agire in ottica di promozione del diritto al cibo e della sua sicurezza, portando avanti le azioni di pace e di uguaglianza che sono alla base di una strategia vincente.

In cosa consiste la Giornata Mondiale dell’Alimentazione

Sono 150 i Paesi che, in tutto il mondo, organizzano eventi e manifestazioni per portare l’attenzione sull’importanza di un’alimentazione adeguata per tutti. La Giornata Mondiale dell’Alimentazione ricorda ad ognuno di noi che anche aumentare la consapevolezza nell’uso delle risorse è un piccolo gesto che ognuno di noi può compiere nel quotidiano, facendo la propria parte per un futuro migliore, più sostenibile e inclusivo.

la strategia from farm to fork

Tags: Agroalimentare, Ambiente