<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Conto Termico: perché conviene per i grandi impianti?

 conto termico biomasse #2 - Nonsoloambiente

Il Conto Termico è un fondo GSE che mira ad incentivare l’efficienza energetica degli edifici. Ecco le prospettive per usufruire del Conto Termico per gli impianti a biomassa.

Il Conto Termico è una preziosa opportunità anche per le aziende che desiderano investire in un sistema di produzione energetica più sostenibile , migliorando l’efficienza. I beneficiari di questa misura sono principalmente le Pubbliche amministrazioni, ma anche imprese e privati , cui è concesso l’accesso ai fondi rispettando alcuni requisiti. Ebbene, parlando di requisiti e opportunità, il Conto Termico è un’ottima opportunità per tutte
quelle aziende che vogliono investire su un nuovo sistema di climatizzazione invernale, puntando sugli impianti a biomasse.

Conto Termico per le imprese: è una misura che supporta la realizzazione di interventi di efficienza energetica e impianti termici alimentati a fonti rinnovabili per privati, aziende e Pubblica Amministrazione. La normativa prevede una serie di requisiti per l’accesso , oltre ad un ventaglio di interventi finanziabili attraverso il fondo. Tra gli interventi finanziabili per le imprese, rientra anche la sostituzione di un impianto di climatizzazione invernale alimentato a biomassa. Secondo la normativa, l’ installazione di impianti a biomasse di medio-grandi dimensioni deve sostituire parzialmente o integralmente l’impianto di climatizzazione invernale.

Vuoi scoprire quali sono le aziende e i progetti che utilizzano le biomasse per  produrre energia da fonti rinnovabili? Scarica l'ebook!

I dati: periodicamente il GSE, responsabile dell’erogazione del Conto Termico, aggiorna i dati relativi agli incentivi riconosciuti, restituendo una panoramica generale sui beneficiari e sugli interventi finanziati. Secondo i dati del contatore , aggiornati al 1/04/2019, dall'avvio del meccanismo ad oggi sono giunte circa 202 mila richieste di incentivi, traducibili con un incentivo complessivo di 546 milioni, di cui 158 per interventi realizzati dalla Pubblica Amministrazione e 388 milioni per interventi realizzati da privati. Per quanto riguarda gli interventi richiesti da Privati (in cui rientrano anche le Imprese), è possibile notare che la quota di incentivi più cospicua è quella destinata proprio ai generatori a biomasse.

Generatori a biomassa per le imprese: secondo la normativa, il Conto Termico finanzia l’intervento di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale in edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari esistenti di qualsiasi categoria catastale, installando generatori come:

  • Caldaie a biomassa di potenza termica nominale inferiore o uguale a 500 kWt.
  • Caldaie a biomassa di potenza termica nominale superiore a 500 kWt e inferiore o uguale a 2.000 kWt (impianti di maggior interesse per questo articolo, poiché installabili in un contesto aziendale).
  • Stufe e termocamini a pellet.
  • Termocamini a legna.
  • Stufe a legna.

Per ciò che riguarda le caldaie a biomassa di medio-grandi dimensioni, con potenza nominale fino a 2000 kWt, le condizioni da rispettare sono:

  • Rendimento termico utile non inferiore all'89%, attestato da una dichiarazione del produttore del generatore nella quale deve essere indicato il tipo di combustibile utilizzato.
  • Pellet utilizzato deve essere certificato da un organismo di certificazione che ne certifichi la conformità alla norma UNI EN ISO 17225-2. Nel caso delle caldaie potrà essere utilizzato solo pellet appartenente alla classe di qualità per cui il generatore è stato certificato, oppure pellet appartenente a classi di miglior qualità rispetto a questa. Possono essere utilizzate anche altre biomasse, purché indicate nella normativa e rispettose dei requisiti.

Avere un generatore a biomassa rappresenta un’opportunità preziosa per le aziende, perché:

  • Il rendimento degli impianti di nuova generazione è decisamente superiore rispetto agli impianti tradizionali alimentati a legna.
  • L’impianto è meno inquinante e produce energia termica pulita grazie alla fonte di alimentazione
  • Il pellet è facilmente stoccabile e a basso costo.

Come accedere al Conto Termico: per accedere al Conto Termico, è necessaria l’iscrizione al Portale GSE e la presentazione di una serie di documenti. Ad ogni modo, sul sito ufficiale GSE, nella parte relativa al Conto Termico, è descritta ogni fase dell’iter.

Scarica l'ebook: Impianti a biomassa e valore per l'intera filiera, i casi  virtuosi in Italia  

Tags: biomasse