Birra e sostenibilità: cresce la produttività, diminuisce l’impatto

birrasostenibilità

Presentati i dati di sostenibilità di Birra Peroni relativi al 2017 e agli ultimi 10 anni. Nonostante un incremento nella produzione, dal 2008 le emissioni di CO2 sono state ridotte di oltre il 33%, mentre il consumo di acqua utilizzata è diminuito del 42%.

Cresce la produzione, diminuisce l'impatto. Birra Peroni ha recentemente reso noti i dati di sostenibilità dell'azienda, evidenziando i risultati raggiunti grazie a un'ormai decennale strategia orientata a limitare la propria impronta ambientale. Dal 2008 ad oggi, sono state ridotte le emissioni di CO2 di oltre il 33%, mentre il consumo di acqua utilizzata nei processi produttivi è diminuito del 42%.

Anche i numeri relativi all'ultimo anno sono degni di nota: nonostante un incremento della produzione pari a oltre 5,6 milioni di ettolitri (+14% rispetto al 2016), Birra Peroni ha ridotto ulteriormente le emissioni inquinanti. Nel 2017, infatti, ha generato 4,57 kg di CO2 per ettolitro di birra, con un risparmio del 4% rispetto all’anno precedente. In ambito energetico, d'altra parte, il consumo totale è passato a 80,14 MJ per ettolitro, facendo registrare una leggera flessione (-0,7%) rispetto al 2016.

I risultati di quest’anno e degli ultimi dieci anni altro non sono che la testimonianza del nostro impegno rivolto a progetti di sostenibilità e innovazioni, che mirano a un miglioramento continuo, attraverso la riduzione delle emissioni e l’introduzione di energie rinnovabili” ha commentato Roberto Cavalli, Integrated Supply Chain Director Italy and Europe di Birra Peroni.

Vuoi rendere la tua logistica più sostenibile? Scopri il Marchio di Logistica  Sostenibile!

Obiettivo primario dichiarato è la ricerca di una sostenibilità a 360 gradi, capace di garantire prodotti, progetti e processi a basso impatto lungo tutta la filiera produttiva e distributiva.

"La sostenibilità delle nostre birre non può prescindere dalla sostenibilità delle materie prime con cui le produciamo; per questo selezioniamo accuratamente l’orzo e il mais, ingredienti base delle nostre birre di punta, che vengono solo da coltivazioni italiane. Collaboriamo con tutta la filiera agricola, con Università ed enti pubblici in un’ottica di innovazione e di ottimizzazione, al fine di fornire ai nostri agricoltori strumenti sempre nuovi e utili per migliorare il loro lavoro e razionalizzare al massimo l’uso delle risorse naturali e dei mezzi tecnici".

Da anni, Birra Peroni ricorre per le sue colture a HORTA, piattaforma tecnologica nata nel 2008 come spin off dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza allo scopo dimigliorare la qualità e le performance ambientali nella produzione cerealicola, grazie a programmi informatici fruibili in tempo reale e in modo interattivo.

Tra le altre cose, poi, l'azienda sta lavorando per tagliare il traguardo del “100% recycled”. Ambizioso sì, ma che ormai sembra alla portata, posto che nel 2017 - con una flessione positiva dello 0,6% rispetto all'anno precedente - è riuscita a conferire al riciclo il 99,6% dei rifiuti prodotti. 

Scarica l'ebook gratuito:  SOSLog, il primo marchio per certificare la logistica sostenibile in Italia 

Tags: Filiera sostenibile