<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Agrifish: focus su risorse ittiche, PAC e foreste

Agrifish focus su risorse ittiche, PAC e foreste

Il vertice dei Ministri dell'agricoltura e della pesca dell'Unione Europea (Agrifish) ha ospitato il dibattito attorno a temi cruciali per il futuro alimentare dei Paesi coinvolti. Pesca, piani strategici della PAC e strategia delle foreste al centro del meeting internazionale.

Lussemburgo, 11- 12 ottobre. Queste le coordinate del recente vertice dei Ministri dell'agricoltura e della pesca dell'Unione Europea (Agrifish), che ha visto dibattere attorno a temi fondamentali per il futuro prossimo delle risorse ittiche e forestali dei Paesi coinvolti. La possibilità di pesca, i piani strategici richiesti dalla nuova politica agricola comune 2023-2027, la revisione delle norme di commercializzazione dell'Ue, il pacchetto "Fit for 55" presentato dalla Commissione europea nel luglio 2021, la strategia forestale sono stati i temi centrali della discussione. Tra gli altri interventi, l'evento ha ospitato la relazione di Stefano Patuanelli, Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali nel governo Draghi.

Ti sei pers* il nostro format dedicato alla filiera agroalimentare? Clicca qui  per scaricare tutti i materiali!

La posizione italiana

Durante il suo intervento, il Ministro Patuanelli ha esposto la posizione italiana riguardo ai vari punti affrontati, ribadendo la necessità di trovare un equilibrio reale tra sostenibilità ambientale, economica e sociale.

  • Pesca del tonno rosso: la richiesta è stata quella di valutare un aumento delle catture ammissibili, nel tentativo di dare un segnale positivo al settore, in sofferenza dopo la crisi pandemica. Un ulteriore auspicio è di recepire rapidamente le nuove regole internazionali sul tonno rosso nei regolamenti europei, per evitare che la campagna 2022 si svolga in un quadro di incertezza tecnico-normativa.
  • Benessere animale: in sostanziale convergenza con gli altri Paesi, l'Italia richiede l'implementazione di un sistema di etichettatura comune in materia di benessere animale.
  • Revisione delle norme di commercializzazione dell'Ue: Patuanelli ha ribadito la necessità di fornire in etichetta informazioni chiare, in particolare sull'origine, che vadano nella direzione della trasparenza, della consapevolezza e della sostenibilità.
  • Pacchetto "Fit for 55": riguardo al contributo del settore dell'agricoltura e delle foreste per il raggiungimento degli obiettivi di neutralità climatica dell'UE, l'Italia ha sottolineato che occorre garantire un giusto equilibrio tra il sostegno economico e la salvaguardia ambientale.
  • Strategia forestale europea 2030: plauso alla nuova strategia, considerata come prezioso strumento in grado di fornire utili indicazioni per il governo delle foreste europee, all'insegna della Gestione Forestale Sostenibile.

 

La Carta della sostenibilità di Firenze

La relazione del Ministro si è rivelata un'occasione per presentare i risultati della riunione dei Ministri dell'agricoltura del G20, svoltasi a Firenze il 17 e 18 settembre scorsi e terminata con l'adozione della "Carta della sostenibilità di Firenze".

Tra gli obiettivi indicati nel documento, Patuanelli ha evidenziato l'impegno per la fame zero, il trasferimento tecnologico e la transizione ecologica, identificando la riunione come una straordinaria occasione per rafforzare le relazioni tra i Paesi e per dichiarare al mondo l'impegno del G20 in materia di sostenibilità dei sistemi alimentari.

"Sul piano ambientale” ha affermato, “gli impegni concreti sono quelli di continuare a contribuire nel settore agroalimentare al percorso di transizione ecologica”. Secondo il Ministro, dunque, la food coalition diventa un efficace strumento di partenariato per affrontare unitariamente le sfide agricole e alimentari, anche in relazione al post Covid.

la sostenibilità nella filiera agroalimentare

Tags: Agroalimentare, Ambiente