<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Nasce il Ministero della Transizione Ecologica (MiTE): più attenzione all'ecologia in Italia

Palazzo-Chigi

Nella rubrica di oggi, ci occupiamo della nascita del nuovo Ministero della Transizione Ecologica (MiTE), datata 12 febbraio 2021 e presieduto dal Ministro Prof. Roberto Cingolani.

Frutto di una logica evoluzione dello storico Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare, il nuovo dicastero continuerà ad occuparsi di tutte le attività inerenti alla politica ambientale nazionale con una forte attenzione sul tema dell’energia che arriverà al MiTE provenendo dall’originaria allocazione al Ministero dello Sviluppo Economico.

Temi come tutela della biodiversità, degli ecosistemi e del patrimonio marino-costiero, salvaguardia del territorio e delle acque, politiche di contrasto al cambiamento climatico e al surriscaldamento globale, sviluppo sostenibile, efficienza energetica ed economia circolare, gestione integrata del ciclo dei rifiuti, bonifica dei siti d’interesse nazionale, valutazione ambientale delle opere strategiche, contrasto all’inquinamento atmosferico verranno affrontati dai funzionari del Ministero con l’obiettivo di accompagnare l’Italia verso quella transizione ecologica che le permetterà di essere un Paese competitivo oltre che “enviromental correct”.

Quali sono le imprese che hanno presentato la Rendicontazione non finanziaria?  Scoprilo scaricando l'ebook gratuito!

Il decreto approvato lo scorso 26 febbraio prevede inoltre che – congiuntamente alla nascita del Ministero di competenza - venga istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri il CITE (Comitato Interministeriale per la Transizione Ecologica) con il compito di assicurare il coordinamento delle politiche nazionali per la transizione ecologica e la sua doverosa programmazione.

L’allocazione e la gestione dei fondi che arriveranno dal Recovery Fund unitamente all’accesso ai fondi della Next Generation EU in ottemperanza a quanto stabilito dal Green Deal Europeo costituisce il primo compito attribuito al nuovo Ministero, di importanza strategica alla luce del periodo vigente e dei connessi problemi dovuti a sviluppo, gestione e buone pratiche ambientali. Se consideriamo l’ampliamento previsto che vede il Ministero occuparsi anche di Politica e Strategia Energetica si può comprendere come – per i prossimi anni – sarà sul MiTE che si giocheranno equilibri economici nazionali e internazionali alla luce anche della sempre maggiore importanza riconosciuta ad elementi quali l’emergenza climatica, la riduzione delle emissioni, il rispetto del Pianeta.

Noi di Nonsoloambiente.it seguiremo i lavori delle singole Direzioni Generali di appartenenza e delle Commissioni di competenza al fine di fornire un’informazione chiara, trasparente e di facile comprensione al lettore di riferimento.

Scarica l'ebook: Aggiornamenti normativi in Italia in ambito ambientale

Tags: Diritto e Legislazione