<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

“WAME & EXPO2015”: energia in tutto il mondo!

WAME&EXPO2015-energia-in-tutto-il-mondo

Dall’unione di EXPO2015 e otto grandi società energetiche italiane e straniere nasce “WAME & EXPO2015”, un’associazione che promuove l’accesso all’energia nel mondo.

“WAME & EXPO2015” è l’acronimo di “World Access to Modern Energy & Expo 2015” ed è un’associazione che è frutto della collaborazione tra Expo 2015 e otto aziende che si occupano di energia: A2A, Enel, Edison, E.ON Italia, Eni, GDF SUEZ Energia Italia, Tenaris e Gas Natural Italia.

L’obiettivo di “WAME & EXPO2015” è quello di riportare all’attenzione pubblica un tema importante e poco affrontato, quello della mancanza di accesso alle moderne forme di energia, attraverso la ricerca scientifica, sociale, economica e tecnologica.

Oggi, circa il 40% della popolazione del mondo non possiede delle infrastrutture energetiche moderne che consentano di accedere all’energia.

Vuoi sapere quanto gli italiani sono informati sulle fonti rinnovabili? Clicca qui per scaricare l'abstract della ricerca

Ciò causa situazioni di povertà e può avere gravi ripercussioni sul clima.

Il 38% della popolazione mondiale, invece, non riesce ad accedere a una fonte energetica pulita, sfruttabile per il riscaldarsi e cucinare.

Ma il dato allarmante è che, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, più di 1,45 milioni di persone muoiono prematuramente per questo.

“WAME & EXPO2015” vuole porre fine a queste disparità e far sì che crescano le possibilità di accesso alle forme moderne di energia.

Il professor Pippo Ranci, Presidente di “WAME & EXPO2015” e Presidente del Consiglio di Sorveglianza di A2A ha dichiarato: “Credo che sia un dovere e una responsabilità anche del settore industriale dell’energia a livello mondiale farsi forza trainante dell’ambizioso progetto avviato dalle Nazioni Unite di rendere universale l’accesso all’energia entro il 2030. E’ per questo che WAME & EXPO2015 si propone come amplificatore divulgativo di questa emergenza e come fulcro di analisi e di progetti concreti per abbattere le barriere che precludono l’accesso all’energia moderna”.

D’altra parte, Giuseppe Sala, Amministratore Delegato di EXPO2015 S.p.a., sostiene che “WAME & EXPO2015” si inserisce a pieno titolo nel percorso di sviluppo dei temi correlati a Expo2015. “Questa iniziativa, insieme ad altri progetti tematici, faranno di EXPO il centro del dibattito mondiale sui temi nevralgici dell’alimentazione, dell’acqua e dell’energia per uno sviluppo umano sostenibile”, commenta Sala.

I presidenti delle varie società energetiche, che sono intervenuti nel corso della conferenza stampa, hanno dichiarato quanto sia importante supportare lo sviluppo sostenibile dei Paesi, specialmente quelli sottosviluppati.

Ed è questo il motivo per il quale stanno operando con numerosi progetti soprattutto in Africa, per migliorare ed incrementare l’accesso all’energia elettrica.

EXPO2015 sarà un’ottima vetrina per mettere in luce il problema dell’accesso all’energia che colpisce molti Paesi sottosviluppati, e sarà un’occasione per divulgare le best practices e far conoscere alcuni progetti virtuosi che già esistono in vari territori e che sono promossi da numerose società.

Scarica l'ebook gratuito!  Strategia Energetica Nazionale, sfide e potenzialità dell'Italia verso il 2030

Tags: Rinnovabili, Energia