Quercus prosegue l’espansione nel campo delle energie rinnovabili

eolico-italia-spagna-nonsoloambiente

Acquisiti due parchi eolici in Italia e due in Spagna, mentre una nuova joint venture sarà dedicata esclusivamente all’acquisizione di piccoli parchi fotovoltaici.

Dalla Spagna all’Italia, la società Quercus ha dato prova negli ultimi mesi della propria intenzione di espandersi nel campo dell’eolico e, più in generale, delle energie rinnovabili. Diverse le acquisizioni annunciate: Quercus ha reso noto il perfezionamento di un accordo per l’acquisizione dal Gruppo Enhol di due parchi eolici in Spagna, più precisamente a Cadice e Malaga. Due ulteriori acquisizioni sono state recentemente rese note e riguardano due impianti situati in Italia.

Si tratta di due distinte operazioni per un totale di 130 milioni di euro e una potenza installata pari a 87 MW: il primo parco eolico è attualmente il più grande in costruzione in Italia e si trova in Basilicata, mentre il secondo è localizzato in Puglia. L’impianto lucano è composto da 13 turbine eoliche Siemens Gamesa Renewable Energy ed è uno dei pochi impianti che ancora beneficiano della tariffa incentivante Gse. Con una potenza installata prevista di 39 MW, è stato ceduto a Quercus dalla società danese European Energy, mentre per quanto riguarda l’impianto pugliese l’operazione interessa il 50% del capitale di una società che gestisce un parco eolicoda 48 MW, attualmente della britannica Amec Foster Wheeler.

Vuoi conoscere quali sono gli impianti che producono energia eolica in Europa?  Scarica il nostro ebook gratuito!

L’espansione di Quercus nel settore delle energie rinnovabili in Italia non finisce qui: la società ha infatti recentemente annunciato anche la costituzione di una nuova joint venture insieme a Erg, una partecipata rispettivamente al 60% e al 40%: la ERG Q Solar1.

L’obiettivo è l’acquisizione di impianti solari di piccola taglia, inferiori a 1 MW di potenza installata, con un target complessivo previsto al 2021 fino a 150 MW, per un totale di 350 milioni di euro massimi di investimento. Per Quercus si tratta della seconda grande joint venture creata in Italia nel settore delle energie rinnovabili, dopo la Quercus Swiss Life Italian Solar Srl, creata con Swiss Life Asset Managers.

Intanto, per l’investimento spagnolo Quercus ha perfezionato accordi complessivi da 60 milioni di euro, per una crescita che al momento non prevede stalli: “Queste due operazioni danno il via alla nostra presenza in Spagna, un mercato che a nostro giudizio offre opportunità interessanti per i nostri investitori. Puntiamo a espanderci nel Paese mediante ulteriori acquisizioni di capacità eolica e fotovoltaica e stiamo valutando anche nuove opportunità in altri Paesi europei”, ha affermato Diego Biasi, AD di Quercus. 

Scarica l'ebook gratuito:  Parchi eolici innovativi: un punto sulle best  practice in Europa

Tags: Eolico