<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Produzioni biologiche: in vigore da gennaio 2022 il regolamento UE 2018/848

Produzioni biologiche in vigore da gennaio 2022 il regolamento UE 2018_848

Dal 1° gennaio 2022 è entrato ufficialmente in vigore il nuovo regolamento UE 2018/848 sulla produzione biologica.

Dopo la proroga del 2021, il primo gennaio 2022 è entrato ufficialmente in vigore il Regolamento UE n. 848 del 2018, che comporta alcuni importanti cambiamenti relativi alla gestione dei prodotti biologici. L’obiettivo del regolamento è quello di rafforzare la tutela del consumatore, migliorando il livello di trasparenza e rendendo più efficace il sistema di controlli. Tra le principali novità, il divieto di OGM, la frequenza dei controlli e le certificazioni di gruppo.

Il divieto di OGM

Attraverso l’articolo 11 del Regolamento, gli OGM sono vietati in agricoltura biologica. Secondo quanto stabilito, infatti, gli OGM, i prodotti derivati da OGM e ottenuti da OGM “non sono usati negli alimenti o nei mangimi o come alimenti, mangimi, coadiuvanti tecnologici, prodotti fitosanitari, concimi, ammendanti, materiale riproduttivo vegetale, microrganismi o animali in produzione biologica”.

Cosa si intende con "dal produttore al consumatore"? Scarica il nostro  approfondimento sulla strategia "From Farm to Fork"!

La frequenza dei controlli

Altra novità riguarda la frequenza delle ispezioni, effettuate dagli organi di controllo come il MIPAAF. I controlli sono annuali per tutti gli operatori della filiera del bio, ma possono diventare a cadenza biennale solo se non saranno rilevati atti fraudolenti o conclamata frode per almeno tre anni consecutivi.

Il passaggio al regime di uniformità

Uno degli obiettivi del Regolamento UE 848 è quello di creare condizioni di parità per gli operatori del settore. In forza di questo, il Regolamento prevede che nell’import-export, al posto del regime di equivalenza, verrà applicato regime di uniformità. In questo modo gli standard di produzione dei prodotti d’importazione saranno identici a quelli europei, al fine di eliminare la concorrenza sleale e dare maggiori garanzie ai consumatori.

La certificazione di gruppo

Altra novità importante entrata in vigore è la certificazione di gruppo, pensata per permettere alle realtà più piccole di ottenere la certificazione applicata ad un gruppo di aziende. Questa soluzione consentirebbe di ridurre l’impatto economico della certificazione, a vantaggio dei piccoli produttori. Ci sono delle condizioni di accessibilità ben definite:  

  • Il costo del processo di riconoscimento e verifica dovrà essere superiore al 2% rispetto al fatturato generato da prodotti biologici
  • Il fatturato annuale dovrò essere inferiore a 25.000 euro
  • Le superfici dovranno essere diverse per tipologie produttive.

 Il Regolamento UE 2018/848 è consultabile integralmente su Eur Lex.

la strategia from farm to fork

Tags: Agroalimentare, Ambiente