<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Le interviste del Direttore: Luca Rigotti

interviste del direttore Luca Rigotti-1

Intervista a Luca Rigotti    Presidente  di Mezzacorona.

Nonsoloambiente.it si pone da sempre come obiettivo quello di fornire un’informazione chiara e contestualizzata su primari argomenti di attualità che abbiano ricadute dirette o indirette sull'ambiente. La rubrica, realizzata su base settimanale e pubblicata nella giornata del martedì,  si basa sulla realizzazione di interviste condotte dal direttore in modo autonomo o a fronte di valutazione di temi o iniziative particolari, corredati di dati. Per informazioni scrivete a: direzione@nonsoloambiente.it

Il Gruppo Mezzacorona è da sempre attento a due aspetti: sicurezza e sostenibilità. In che modo questi due valori sono driver competitivi e cosa rappresentano per il Gruppo?

Innanzitutto, ci tengo a sottolineare come il tema della sostenibilità sia prima di tutto un grande fatto culturale, che sta coinvolgendo positivamente e non senza resistenze questa nostra epoca. E’ quindi non solo un insieme di pratiche efficaci per la tutela ambientale e della salute delle persone ma realmente un processo di maturazione del pensiero dell’umanità che si sta rendendo conto che il rispetto e la cura dell’ambiente è una scelta di vita e di futuro. Ci tengo a dire che gli agricoltori sono i primi difensori dell’ambiente: a volte questa consapevolezza manca in molti ambiti e spesso anche nell’opinione pubblica in generale, che non si rende conto del tanto lavoro fatto in campagna in questi anni per la sostenibilità. La sostenibilità è un percorso virtuoso da cui non si può più prescindere nella nostra epoca. Lo è dal punto della salvaguardia dell’ambiente, della salute delle persone e degli operatori agricoli e dei consumatori. Qualcuno si lamenta che la sostenibilità è un costo, in realtà la sostenibilità è il più grande investimento economicamente fruttuoso, etico e a lungo termine che può fare oggi l’agricoltura e la cooperazione agricola a vantaggio anche delle altre attività economiche e in primis quindi del turismo. E’ pertanto un fatto di grande rilevanza culturale.

Ci deve essere una forte assunzione di responsabilità sociale e territoriale per andare fino in fondo in questa azione, che ha bisogno di uno sforzo direi veramente “cooperativo” di mediazione e di responsabilizzazione che coinvolga agricoltori, istituzioni, soggetti sociali. Noi come Gruppo Mezzacorona abbiamo sempre creduto nel tema della sostenibilità e della sicurezza alimentare e per primi fin dagli anni Novanta abbiamo sviluppato in Trentino un percorso con la condivisione dei nostri soci per la fissazione dei Protocolli di Autodisciplina per gli agrofarmaci, che di fatto sono stati antesignani degli attuali programmi di sostenibilità. Siamo stati i primi in Italia ad adottare la Certificazione ministeriale SQNPI (Sistema di Qualità Nazionale per la Produzione Integrata) prima sulla produzione di uva e poi sui vini, punto di arrivo di anni di lavoro con i Protocolli ma anche punto di partenza per altre sfide. In questo modo abbiamo valorizzato e reso riconoscibile per i consumatori il grande sforzo fatto per una viticoltura sempre più pulita e così si sta facendo negli altri comparti.

Vuoi scoprire di più sulle imprese e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile?  Scarica gratuitamente l'abstract del nostro eBook!

Credo che la sostenibilità sia un principio veramente valido soprattutto per il successo economico delle aziende perché i consumatori apprezzano e premiano moltissimo le imprese che fanno seriamente azioni concrete in questo senso. Questi stessi consumatori delle città, italiane ed estere, sono poi nostri ospiti in Trentino e nel resto d’Italia e qui vogliono trovare quella corrispondenza tra il marketing e la realtà. In questo senso dobbiamo essere coerenti a 360° sulla corrispondenza tra il dire ed il fare, perché l’ospite chiede questo. La cultura della sostenibilità si fa anche attraverso lo strumento della Rete. Sempre più persone in tutto il mondo scoprono tramite internet il nostro Gruppo ma anche il nostro territorio ed i nostri vini e spumanti e poi vengono a visitarci e a conoscerci di persona, per questo quindi dobbiamo essere all’altezza delle aspettative generate dalla Rete e dei messaggi che noi promuoviamo attraverso quel formidabile strumento. Internet misura poi anche la soddisfazione dei nostri ospiti quando tornano nei loro Paesi e nelle loro città, per cui deve esserci un monitoraggio costante ed eventualmente una ritaratura delle nostre attività per verificare che la cultura della sostenibilità che noi promuoviamo sia effettivamente percepita.

 

Il Gruppo Mezzacorona si contraddistingue per possedere una filiera di qualità sostenibile e certificata. Tra le certificazioni ottenute dal Gruppo vi è la (SQNPI), il Sistema di Qualità Nazionale di Produzione Integrata. Quanto tempo e quante risorse sono state impiegate per conseguire un traguardo simile? Quali sono i vostri progetti per il futuro?

Come ho già detto, la Certificazione ministeriale SQNPI è un punto di arrivo ma soprattutto un punto di ripartenza verso obiettivi ancora più ambiziosi. Essa è stata il frutto di un lungo percorso di utilizzo di agrofarmaci sempre meno impattanti che poi nel tempo ha trovato un riconoscimento anche giuridico. Va ricordato che fin dal 2010 Mezzacorona nel proprio Regolamento interno aveva decretato l’eliminazione dei Ditiocarbammati (agrofarmaci dannosi per la salute) dal Protocollo, promuovendo invece i trattamenti a base di prodotti più “naturali” come lo zolfo ed il rame; come positiva conseguenza, nel 2016 l’introduzione della SQNPI ha di fatto permesso di certificare non solo questo importante passaggio ma anche tutto il percorso attuato dall’azienda in Trentino fin dagli Anni Novanta per la sostenibilità e la salvaguardia dell’ambiente e delle produzioni, fatto estremamente qualificante e di grande lungimiranza. 

I nostri tecnici agronomi nella loro opera quotidiana di consulenza proseguono sulla strada concreta della sostenibilità con un servizio costante e puntuale presso i soci, continuando quel lavoro fondamentale di formazione e di condivisione che ha potuto rendere concretamente nei fatti l’obiettivo della sostenibilità. E’ stato ed è un grande gioco di squadra che ha impegnato tutte le risorse umane del Gruppo ma che sta dimostrando come la strada dell’innovazione non possa prescindere dal coinvolgimento e dalla responsabilizzazione dei singoli.

Come ulteriore dimostrazione di serietà rispetto al tema della sostenibilità, il Gruppo Mezzacorona ha già pubblicato tre edizioni biennali del “Bilancio di sostenibilità”, vera e propria rendicontazione basata sui principi internazionali GRI per fotografare la situazione per quanto riguarda la tutela ambientale, la gestione delle risorse naturali, l’utilizzo di energia pulita, l’abbattimento delle emissioni, la depurazione delle acque, la valorizzazione e la formazione delle persone, la comunicazione. Uno strumento ricchissimo di dati e di informazioni che ogni due anni dal 2016 fa il punto della situazione aziendale e rilancia nuovi obiettivi di miglioramento delle performance sostenibili, finalizzando il lavoro aziendale verso il miglioramento continuo.

Luca Rigotti

Nato a Mezzocorona nel 1964, è laureato in Giurisprudenza ed è in possesso del diploma di Perito Agrario. È Imprenditore nel settore viticolo. E’ Presidente della holding capogruppo Mezzacorona S.c.a. dal 2012, società di cui è stato prima. Consigliere fin dal 1989 e Vice Presidente dal 1998. E’ Presidente della controllata Nosio S.p.A., di cui è stato Consigliere fin dalla fondazione nel 1998.È membro del board of directors della Prestige Wine Imports Corp. (società di importazione con sede a New York dei vini Mezzacorona negli USA), e Presidente di Villa Albius S.a.r.l. e di Solsicano S.a.r.l., società del Gruppo Mezzacorona in Sicilia. È Coordinatore nazionale del settore vino dell’Alleanza delle Cooperative Italiane, membro del Consiglio Nazionale di Confcooperative, del Consiglio di Presidenza e del Consiglio Nazionale di FedagriPesca. È inoltre membro del Consiglio di Amministrazione di Previdenza Cooperativa e del Consiglio di indirizzo di Euricse. È il primo Presidente italiano del Gruppo di Lavoro Vino Europeo del Copa-Cogeca, Vice Presidente Vicario della Camera di Commercio di Trento, membro del Consiglio di Amministrazione del Consorzio Vini del Trentino e del Consorzio per la Tutela dei Vini DOC ‘Delle Venezie’. È Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Scarica l'ebook gratuito: Come rendicontare la sostenibilità d'impresa!

Tags: Rubriche, Le interviste del Direttore