<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Le interviste del Direttore: Julian Lings

Le interviste del Direttore Julian Lings

Per le Interviste del Direttore di oggi abbiamo intervistato Julian Lings di The North Face.

The North Face, una divisione di VF Outdoor, LLC, è stata fondata nel 1966 con l’obiettivo di preparare gli atleti outdoor ad affrontare le avventure più estreme. Oggi è il brand leader mondiale nel settore outdoor e crea prodotti testati dagli atleti e messi alla prova durante le spedizioni che accompagnano le persone nelle loro esplorazioni, spronandole a superare i propri limiti. The North Face si impegna a proteggere il nostro pianeta riducendo il proprio impatto ambientale attraverso programmi che incoraggiano la sostenibilità. Da cosa è nata l’iniziativa di intraprendere un percorso all’insegna della sostenibilità e quali sono i progetti futuri in tal senso?  

La sostenibilità e l’amore profondo per l’outdoor sono parte integrante del DNA di THE NORTH FACE sin dalla sua nascita. Siamo da sempre impegnati nel migliorare costantemente le prestazioni e le caratteristiche dei nostri prodotti in un’ottica di riduzione dell’impatto sull’ambiente, tramite una forte innovazione nei materiali e nei processi produttivi. Guardando ai prossimi 50 anni di esplorazioni, proteggere il pianeta e la natura è più importante che mai e per questo motivo stiamo raddoppiando i nostri sforzi al fine di raggiungere ambiziosi obiettivi Sbt (Science-based targets). Ad esempio entro il 2025, il 100% dei materiali di punta utilizzati per la creazione dei nostri capi sarà riciclato, rigenerato o riutilizzato, al fine di diminuire sensibilmente l’impatto della produzione sull’ambiente.  

Vuoi scoprire di più sulle imprese e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile?  Scarica gratuitamente l'abstract del nostro eBook!

Il settore tessile è considerato tra i settori maggiormente inquinanti. Crede che le azioni intraprese dai Governi siano di reale supporto per gli imprenditori nella conversione del processo produttivo delle proprie realtà nonché per l’adozione di modelli rispettosi dell’ambiente?  

È indubbiamente necessario stabilire impegni concreti e quantificabili e intraprendere azioni in grado di ridurre sensibilmente l’impatto sull’ambiente del settore in cui operiamo. Lo scorso anno, in occasione della COP26, ci siamo uniti ai nostri atleti nell’inviare un chiaro messaggio ai leader presenti alla COP26, per chiedere che le parole diventino azioni concrete e che vi sia un reale e profondo impegno ad attuare i cambiamenti necessari a proteggere il pianeta. Molto è stato fatto: da azioni di lobby a livello di governi nazionali, ai cambiamenti profondi dei processi di business, fino all’impegno costante nel tenere viva l’attenzione sul tema della tutela ambientale. The North Face lavora al fianco di realtà come Textile Exchange e la Sustainable Apparel Coalition. Sappiamo che c’è ancora molto lavoro da fare e ci stiamo impegnando per raggiungere gli ambiziosi traguardi che ci siamo prefissati per quanto riguarda la sostenibilità. 

The North Face è impegnata nel diffondere la cultura dell’esplorazione e dello sport. Quali a suo avviso possono essere delle attività utili per la promozione di un modello di vita all’insegna della sostenibilità?  

Qualunque tipo di esplorazione, da una scalata in alta montagna a una corsa nei dintorni della propria casa, conduce alla scoperta del mondo che ci circonda. Questo profondo legame con la natura ci deve incentivare a proteggerla e preservala. L’impegno di The North Face punta ad essere di ispirazione per un movimento globale di esplorazione e tutela dell’ambiente, al fine di incoraggiare tutti ad uscire di casa e andare a esplorare il meraviglioso mondo che dobbiamo contribuire a salvaguardare.

Julian Lings
Dopo un’esperienza in TESCO, durante la quale ha ricoperto diversi ruoli in ambito CSR, Julian è entrato in THE NORTH FACE nel 2015 come Sustainability Manager, e oggi è Senior Sustainability Manager dell’azienda. Membro del Board di EOCA dal 2019 (European Outdoor Conservation Association), Julian è un grande appassionato di outdoor ed è da sempre impegnato in progetto di volontariato per la protezione e la conservazione dell’ambiente

Scarica l'ebook gratuito: Come rendicontare la sostenibilità d'impresa!

Tags: Rubriche, Le interviste del Direttore