<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Global Strike for Future


"Se il clima è cambiato perché non cambiamo anche noi?"
Il 15 marzo sarà in atto uno sciopero mondiale, al quale parteciperanno 40 paesi di tutto il continente, per contrastare il fenomeno dei cambiamenti climatici. La risposta a questa urgenza da parte delle politiche internazionali, infatti, è sempre stata inefficace e lenta. E’ quindi, con questo sciopero, che i cittadini chiedono di unirsi e contribuire alla nascita di un movimento, il più ampio e trasversale possibile, che porti sempre più persone a incentivare i Governi ad agire, e farlo in fretta, in vista di strategie coordinate tra i diversi Paesi per rispettare gli impegni presi, a partire dall’Accordo di Parigi.
Un'azione di sensibilizzazione, dunque, per combattere i mutamenti climatici e tutte le conseguenze che essi comportano.
Tutto questo è supportato dai giovani attivisti del movimento #fridaysforfuture, nati dalla protesta della quindicenne Greta Thumberg a Stoccolma in occasione della COP24.
La manifestazione del 15 marzo, Global Strike For Future, rappresenta una grande occasione per dar voce alle problematiche ambientali da affrontare e portare, innanzitutto, l’emergenza climatica in primo piano.