<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Che cosa sappiamo del regolamento UE sulla pesca

_Che-cosa-sappiamo-del-regolamento-UE-sulla-pesca

Il mercato del pesce è il quarto nel mondo per importanza e fornisce ogni anno 6,4 milioni di tonnellate di pesce. Ma cosa c'è dietro a questo immenso mercato che porta sulle tavole squisite prelibatezze dei mari e degli oceani?

Ovviamente esistono molte normative e regolamenti che tentano di tutelare la conservazione dell'ambiente marino e del pescato, la modalità con cui i prodotti ittici vengono consumati e gli interessi non solo dei consumatori ma anche dei pescatori. Si può però affermare che rimane ancora molto da fare. 

Già nel 2013 il Consiglio e il Parlamento avevano raggiunto un accordo sulla PCP (Politica Pesca Comune) con lo scopo di promuovere la sostenibilità a lungo termine delle attività di pesca e di acquacultura sotto il profilo ambientale, economico e sociale.

Con la nuova normativa, che conta sul sostegno del Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca, si realizzeranno diversi progetti volti a:

  • introdurre tecniche di pesca innovative,
  • creare nuovi sbocchi per i prodotti del mare,
  • migliorare la qualità della vita nelle zone costiere.

Questo, si spera, aiuterà i pescatori a convertirsi a una pesca sostenibile e le comunità costiere a diversificare le loro economie. 

Alcuni concetti espressi da questa nuova regolamentazione, ad una prima lettura, sembrano quasi scontati e questo fa intendere quanto lavoro e impegno si debba ancora dedicare ed incrementare in questo campo. 

Quali sono le imprese che hanno presentato la Rendicontazione non finanziaria?  Scoprilo scaricando l'ebook gratuito!

Ad esempio, uno degli obiettivi principali della PCP è quello di ridurre al minimo le catture indesiderate di pesci e il divieto del rigetto in mare introducendo così l'obbligo di sbarco (gradualmente introdotto tra il 2015 e il 2019). Lo scopo è non solo quello di fornire dati più precisi sulle catture ma anche di migliorarne la selettività, la pianificazione e la sostenibilità ambientale.

A tal proposito secondo un studio condotto dalla Fao un pesce su tre che viene catturato viene rigettato in mare o si deteriora prima di essere portato sulle tavole dei cittadini europei: questo accade perché da un lato vi è la mancanza di attrezzature adeguate al mantenimento del pesce fresco e dall'altro perché i pesci indesiderati, troppo piccoli o appartenenti a specie non commerciabili, vengono rigettati in mare.

Per far fronte a queste problematiche l'UE collabora con le agenzie Onu per garantire una regolamentazione trasparente e sostenibile per le acque di tutto il mondo e per garantire che le risorse ittiche non siano oggetto di sovrasfruttamento.

Inoltre, grazie anche al progetto Fao, si stanno adottando misure per scoraggiare la pesca illegale e per far sì che il pesce pescato approdi a terra e non venga rigettato nelle acque.

Questo insieme di normative e di buoni propositi della PCP convogliano tutte le forze per il raggiungimento di un unico scopo: garantire la sostenibilità ecologica, sociale ed economica della pesca e dell'acquacoltura in modo che siano fonte di alimenti sani per i cittadini dell'unione europea, oltre a garantire un tenore di vita adeguato alle comunità di pescatori.

Scarica l'ebook: Aggiornamenti normativi in Italia in ambito ambientale

Tags: Diritto e Legislazione