<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

In arrivo, in Italia, una consultazione pubblica sulla disclosure delle informazioni non finanziarie

consultazione-web-ministero-economia-finanze-nonsoloambiente

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) lancerà a breve una consultazione via web per affrontare i temi centrali del recepimento della direttiva sulla disclosure delle informazioni non finanziarie.

Entro il 2017, le imprese con più di 500 dipendenti e le aziende ritenute “di interesse pubblico” da parte del legislatore nazionale, avranno l’obbligo di comunicare nella propria relazione di gestione anche informazioni di tipo ambientale e sociale. E in base, al principio del "comply or explain", dovranno motivare eventuale mancata disclosure su queste tematiche.

Ne abbiamo parlato con Francesca Bisceglia, Punto Nazionale di Contatto OCSE del Ministero dello Sviluppo Economico: “L’obiettivo della consultazione è raccogliere commenti e suggerimenti sulle tematiche centrali della direttiva europea 95/2014 e anche su quegli aspetti in cui c’è un margine di flessibilità da parte del legislatore nazionale”.

Quali sono le imprese che hanno presentato la Rendicontazione non finanziaria?  Scoprilo scaricando l'ebook gratuito!

A seguito di questa consultazione verrà predisposta una bozza di provvedimento che verrà seguita poi da una seconda consultazione pubblica. “Normalmente - precisa Bisceglia - il Ministero dell’Economia e delle Finanze fa una sola consultazione direttamente sulla bozza di provvedimento, però in occasione della direttiva è stato pensato un processo di consultazione «rafforzato» perché il coinvolgimento degli stakeholder in questa fase è stato ritenuto particolarmente importante e si pensa possa contribuire ad avere una normativa nazionale efficace e aderente al contesto nazionale”.

In contemporanea è in corso una consultazione pubblica lanciata dalla Commissione europea sugli orientamenti previsti dalla direttiva. “Si tratterà di orientamenti non vincolanti e probabilmente non prescrittivi che la Commissione redigerà entro il 6 dicembre. Sarebbe stato utile avere questo documentazione in corso di recepimento ma probabilmente consultazione europea e nazionale si sovrapporranno”. Prima della consultazione l’Italia ha avviato una serie di iniziative di coinvolgimento e sensibilizzazione degli stakeholder. Il MEF ha attivato un tavolo inter-istituzionale con i soggetti pubblici più interessati e competenti in materia come: MISE, Ministero dell’Ambiente, Ministero del Lavoro e Consob. E il MISE ha incontrato diverse aziende partecipate pubbliche e associazioni di categoria.

Quello che è emerso, soprattutto dal confronto con le aziende, è che il reporting in Italia è un fenomeno a macchia di leopardo, dove ci sono imprese che rendicontano da anni e quindi hanno messo in piedi dei sistemi non solo di reporting ma anche di monitoraggio delle informazioni e altre che, invece, dovranno strutturare meglio le attività di rendicontazione di queste informazioni. Poi ci sono anche imprese che non hanno esperienza di reporting sociale e ambientale. “Siamo consapevoli - ammette Bisceglia - che le imprese si andranno a confrontare con nuovi obblighi che, soprattutto per chi rendiconta la prima volta, comporteranno oneri, costi e cambiamenti. La direttiva va però interpretata in un’ottica di costi-benefici poiché costituisce un punto di partenza per la trasparenza, l’accountability e la creazione di fiducia da parte degli stakeholder. Si tratta di un’opportunità per comunicare adeguatamente il contributo che le aziende apportano alla società”.

A livello europeo, alcuni Stati membri hanno già recepito la direttiva. La Danimarca, in particolare, ha adottato un approccio più ambizioso rispetto a quanto richiesto da Bruxelles e prevederà l’obbligo di rendicontazione nell’esercizio 2016 per le imprese quotate più grandi e le partecipate. Mentre dall’esercizio 2018 l’obbligo sarà esteso a tutte le grandi aziende, sopra i 250 dipendenti. Bisceglia su questo punto sottolinea come: “La Danimarca è stata rapida e audace. Consideriamo però che gli stati europei partono da quadri legislativi molto diversi tra di loro, dove ci sono Stati che dovranno legiferare ex novo, come l’Italia, e altri Stati che hanno una normativa già strutturata come nel caso della Danimarca e del suo Danish Financial Statement Act sulla CSR”.

Scarica l'ebook: Aggiornamenti normativi in Italia in ambito ambientale

Tags: Diritto e Legislazione