<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Dow Jones Sustainability Index, 12 aziende italiane incluse

 

Dow Jones Sustainability Index, 12 aziende italiane incluse

Ieri, 12 settembre, la RobecoSAM ha annunciato i risultati della conferenza annuale del Dow Jones Sustainability Index (DJSI), classificando le aziende con i migliori investimenti nella sostenibilità aziendale e nella social responsability.

Il Dow Jones è uno dei più grandi fornitori di indici di mercati finanziari al mondo e uno dei suoi indici, il Dow Jones Sustainability Index è uno dei primi indici globali a registrare le performance finanziarie delle aziende che applicano criteri di sostenibilità. Lanciati nel 1999 sono basati sulla cooperazione degli indici Dow Jones, STOXX Limited e SAM, e forniscono benchmark flessibili e obiettivi per gestire profili legati alla sostenibilità.

Come affermato dalla stessa RobecoSAM, la Corporate Sustainability è un approccio di business che crea valore per gli azionisti a lungo termine, abbracciando le opportunità e gestendo i rischi derivanti da sviluppi economici, ambientali e sociali. Il DJSI ha classificato quindi 59 categorie di industrie e ne ha analizzate in tutto il mondo 1.831.

Per identificare e selezionare le aziende leader si possono quantificare e utilizzare diversi indici: la qualità della strategia e della gestione di una società, il grado di reattività della stessa nei confronti di rischi e opportunità derivanti dalla situazione economica, dagli sviluppi ambientali e sociali. I principali criteri considerati per la valutazione e l'attribuzione del punteggio finale sono: la Climate Strategy; lo Stakeholder Engagement; la gestione del prodotto; l’efficienza energetica e ambientale; la stabilità finanziaria e la corretta gestione dei rischi economici.

12 le aziende italiane incluse tra le aziende più sostenibili, alcune addirittura leader dei propri settori di appartenzenza, altre stabilendo un punteggio migliore rispetto gli anni passati. Ad esempio Snam (gruppo integrato che presidia le attività regolate del settore del gas in Italia) è stato confermato per il quinto anno consecutivo nell’elenco con un miglioramento del posizionamento complessivo (82 punti), che la avvicina al punteggio migliore del settore gas utilities (88 punti).

Le scelte sostenibili realizzano valore per gli azionisti a lungo termine, e rientrare nel Dow Jones Sustainability Index è un concetto investibile. Questo è fondamentale nel guidare gli interessi e gli investimenti nella sostenibilità a vantaggio delle imprese e degli investitori anche nei paesi in via di sviluppo.

Scarica l'ebook gratuito: Come rendicontare la sostenibilità d'impresa!

Tags: CSR & imprese