<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Valli Resilienti per la valorizzazione di Val Trompia e Val Sabbia

vall-resilienti-fondazione-cariplo-nonsoloambiente

All’interno dei tanti progetti per il rilancio delle aree nazionali più isolate sta facendo parlare di sè Attiv-aree, un programma che vede coinvolti diversi settori infrastrutturali con lo scopo di valorizzare alcune specifiche zone del territorio lombardo.

Il programma Attiv-aree è un progetto promosso e finanziato da Fondazione Cariplo dal 2016, con l’obiettivo di cercare di rivitalizzare le aree del territorio di riferimento della Fondazione e rigenerarle con un processo evolutivo che possa favorirne la crescita socio-culturale ed economica.

Il programma a oggi vede confermati due diversi progetti: Oltrepò (bio)diverso, per lo sviluppo dell’Oltrepò Pavese e il più attuale Valli Resilienti che coinvolge due valli bresciane: la Val Trompia e la Val Sabbia. Questi sono territori che, come molte aree limitrofe dell’intero paese, hanno subito negli anni un progressivo spopolamento, dovuto alla perdita di potere economico dell’agricoltura a favore dell’industrializzazione dei grandi centri urbani.

Valli Resilienti, secondo i suoi promotori, sarà il mezzo per favorire uno sviluppo locale sostenibile che tenga conto dell’importanza della valorizzazione delle risorse ambientali ed economiche locali, nonché degli aspetti socio-culturali delle stesse aree. Il fine ultimo è appunto il rilancio delle due valli, per fare in modo che tornino ad essere appetibili agli occhi dei propri abitanti, ma anche per il turismo e per gli investitori esterni, e per favorire i rapporti tra la popolazione residente e i visitatori.

Vuoi scoprire di più sulla rendicontazione della sostenibilità d'impresa?  Scarica gratuitamente il nostro ebook!

Il progetto Valli Resilienti mira alla valorizzazione dei punti di interesse culturale e turistico insiti nel territorio (gli ecomusei per esempio), alla promozione dell’enogastronomia e delle tipicità agroalimentari locali e delle attività all’aperto: trekking e cicloturismo su tutte. Oltre a questi aspetti è stato messo a punto anche un sistema di accoglienza turistica con un approccio fortemente etico-sociale e solidale.

A sostegno del progetto Valli Resilienti anche alcuni enti locali accomunati dal desiderio di portare nuova vita alle valli bresciane Trompia e Sabbia in termini di occupazione, turismo e welfare. In particolare un contributo arriva dalle Comunità montane di Val Trompia e Val Sabbia, Valli Smart, che si occupa della digitalizzazione dei servizi locali, Valli Solidali, che si impegna per un sistema di legami sociali e accoglienza solidali; Valli Viventi, che si dedica alla promozione delle risorse naturalistiche e agroalimentari del territorio e in ultimo Valli Collaborative.

Tra le iniziative e i progetti realizzati nel programma, tra i quali l’apertura della Greenway, un percorso ciclabile dedicato sia ai cicloturisti sia ai più sportivi, che si snoda tra le due valli e che sarà inaugurata alla fine dell’estate.

Tra i progetti di accoglienza solidale spicca il Co.Ge.s.s. Bar-Non solo Bar, un locale il cui staff è composto da lavoratori affetti da disabilità. Oppure ancora Casa Maer, un progetto di inclusione sociale per ragazzi disabili, promosso tra l’altro anche da Airbnb Italia. Poco più distante, a Marmentino, nasce invece Casa Saoghe, una casa vacanze gestita da ragazzi minori con fragilità che, con il supporto degli educatori, conducono le attività di accoglienza e manutenzione degli ambienti esterni della struttura.

Grande attenzione viene riservata anche alla questione accessibilità: le strutture ricettive mettono a disposizione delle particolari carrozzine, le Jolette, con le quali anche i visitatori affetti da disabilità motorie possono prendere parte ai trekking per le valli.

L’obiettivo finale di Attiv-aree, tramite il progetto Valli Resilienti, è promuovere l’attrattività di queste specifiche aree geografiche, preziose sia dal punto di vista culturale sia naturalistico. Per troppo tempo le due valli bresciane sono state in qualche modo abbandonate a loro stesse. Valli Resilienti si batte per scongiurare il rischio di spopolamento del territorio e per attirare, oltre che i turisti, anche nuovi residenti, il tutto con un occhio di riguardo per la sostenibilità.

Tutto questo sarà anche uno stimolo per fare di Val Trompia e Val Sabbia due ambite mete per la stagione turistica alle porte?

Scarica l'ebook gratuito: Come rendicontare la sostenibilità d'impresa!

Tags: CSR & Imprese Sostenibili