<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

UE: Stop auto benzina e diesel dal 2035

UE Stop auto benzina e diesel dal 2035 _

La norma renderà le auto a emissioni zero più convenienti e diffuse, previste norme addizionali per regolare idrogeno ed e-fuels.


L'Unione Europea ha raggiunto un accordo per una norma che vieti di fatto la vendita di nuove auto a benzina e diesel a partire dal 2035, con l'obiettivo di accelerare il passaggio ai veicoli elettrici e combattere il cambiamento climatico.

I negoziatori degli Stati Membri e del Parlamento europeo, in “trilogo” con la Commissione, hanno concordato che le case automobilistiche devono raggiungere una riduzione del 100% delle emissioni di CO2 dei veicoli prodotti entro il 2035, rendendo impossibile la vendita di nuovi veicoli alimentati a combustibili fossili nel blocco dei 27 Paesi. Secondo i prospetti dell’Unione, il blocco sulle auto a combustibili fossili renderà le auto ad emissioni zero più convenienti per gli acquirenti, eliminando di fatto gli ostacoli legati alla produzione “di nicchia” di tali veicoli. Per quanto concerne i furgoni ed i veicoli leggeri da trasporto merci, i nuovi veicoli dovranno rispettare una riduzione del 100% delle emissioni di CO2 entro il 2035 e del 50% entro il 2030 rispetto ai livelli del 2021.

Scopri di più sulla Mobilità Sostenibile! Scarica il nostro approfondimento  gratuito!

Come già anticipato, le associazioni di settore dell’industria automobilistica, insieme ad alcuni Stati, hanno chiesto ed ottenuto che i motori a combustione interna e i veicoli a idrogeno non vengano vietati a patto di garantire le emissioni zero dei carburanti utilizzati. Per tale motivo i negoziatori hanno deciso che l'UE redigerà una proposta di legge sulle modalità di vendita dopo il 2035 delle auto che funzionano con “carburanti neutri dal punto di vista delle emissioni di CO2”. Inoltre, per tutelare le piccole case automobilistiche e le imprese minori, ovvero quelle che producono meno di 10.000 veicoli all'anno (ad esempio le fabbriche di supercar della motor valley italiana), è stato deciso che tali realtà potranno negoziare accordi per step differenziati fino all’obiettivo di neutralità completa del 2036, quando dovranno adeguarsi al target di emissioni zero.

New call-to-action

Tags: Mobilità, Sostenibilità