<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Ferragamo, primo museo con certificazione green

museo di salvatore ferragamo - nonsoloambiente

Energia sostenibile e cultura creativa possono andare perfettamente d’accordo. E’ il caso del Museo Salvatore Ferragamo che ha partecipato all’iniziativa "Museimpresa Green", impegnandosi a rendicontare le proprie emissioni di CO2 e trovare rimedi per ridurle. 
 

Il progetto porta la firma di Federturismo e Museimpresa, l'associazione italiana dei musei e degli archivi d'impresa promossa da Assolombarda e Confindustria. Lo scopo di "Museimpresa Green" è quello di creare la prima associazione al mondo di gallerie rispettose dell’ambiente. La Salvatore Ferragamo Spa, con il suo museo, è la prima ad aderire. In questo modo potrà ottenere la certificazione internazionale Iso 14064. Un fatto del tutto nuovo per un museo, dato che viene conferita solitamente a imprese o privati. 
 
Vuoi scoprire di più sulle imprese e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile?  Scarica gratuitamente l'abstract del nostro eBook!
 
Nello spazio espositivo si trovano le calzature fabbricate dall’omonimo stilista: ad esempio le zeppe create per Judy Gardland o i décolleté destinati a Marylin Monroe.  Situato a Palazzo Spini Feroni nel cuore di Firenze, è stato aperto nel 1995 e ampliato nel 2006. 
 
Non è la prima volta che l’azienda Ferragamo mostra attenzione verso l’ambiente. Lo  scorso luglio ha inaugurato  un edificio da 8mila metri quadrati ad uso ufficio, progettato in maniera ecosostenibile. A livello energetico il palazzo sfrutta impianti geotermici e fotovoltaici, riducendo così l’impatto di anidride carbonica. Per l’illuminazione si serve solo di lampade a LED, più economiche rispetto a quelle a incandescenza. Inoltre gli otto posti del parcheggio sono  divisi a metà per car-sharing e auto elettriche ricaricabili. Quest’anno ha vinto il Premio Bilancio di Sostenibilità 2014 nella categoria grande impresa, ideato da BBS in collaborazione con Aretè
 
Oggi la casa di moda candida il suo museo perché sia il primo con certificazione Iso 14064. Qualora riuscisse ad ottenerla sarebbe un record di grande prestigio, non solo per l’azienda  ma anche per l’Italia. Il nostro è il  paese delle unicità. Unico è il nostro patrimonio paesaggistico, enogastronomico, artistico. In caso di ottenimento della Iso 14064 si potrà assistere a un altro evento unico: il matrimonio fra eco-sostenibilità e cultura.         
 
Scarica l'ebook gratuito: Come rendicontare la sostenibilità d'impresa!
 

Tags: Sostenibilità, CSR & Imprese