<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Best Practices sull’alimentazione per Expo 2015

7a6409a35f8223f856dc99651cb33cb1

Expo Milano 2015 ha lanciato un bando internazionale per l’identificazione di “Best Practices” per lo sviluppo sostenibile e la sicurezza alimentare: verrà creata una rete scientifica internazionale di ricerca e innovazione sulla sicurezza alimentare.

Cinque sono gli ambiti prioritari del bando, supportato dal programma “Feeding Knowledge” che, in collaborazione con METID- Politecnico di Milano e CHIEAM Bari, cui dovranno far riferimento le attività candidate a diventare “Best Practices” dell’Esposizione Universale di Milano:

- gestione sostenibile delle risorse naturali, nel rispetto di hatibat e peculiarità del territorio;

- miglioramento qualitativo e quantitativo dei prodotti alimentari, seguendo i principi di agricoltura biologica e/o biodinamica;

- dinamiche socio-economiche sostenibili, prendendo atto dei fattori socio-economici dell’area di riferimento e il mercato globale;

- sviluppo delle comunità rurali, anche molto piccole, rappresentanti il patrimonio culturale e storico di un un determinato territorio;

- sviluppo di modelli di alimentazione e di dieta coerenti con i principi di ecosostenibilità.

Vuoi sapere come la Politica Agricola Comune può essere sostenibile?  Scarica  gratuitamente la nostra infografica! 

Le iniziative virtuose che selezioneremo – ha spiegato il Commissario Unico per Expo Milano 2015 Giuseppe Salasaranno contenuto vivo e duraturo dell’Esposizione Universale, legacy sulla sicurezza alimentare per il mondo intero. Invitiamo – ha aggiunto Giuseppe Sala - tutti i Paesi partecipanti a considerare l’Esposizione Universale come una vera piattaforma di dialogo e scambio, in cui condividere prodotti, tecnologie e servizi, in grado di migliorare la qualità di vita delle persone e dell’ambiente in cui viviamo. Dobbiamo diffondere esperienze positive e di valore. Per questo, lavoreremo affinché le ‘Best Practices’ di Expo Milano 2015 diventino standard di riferimento e modello di sviluppo sostenibile per tutti i Paesi del mondo, a livello ambientale, sociale, produttivo, tecnico e scientifico”.

Le proposte potranno essere presentate fino al 30 aprile 2014 da enti e autorità locali o agenzie pubbliche, organizzazioni intergovernative e agenzie internazionali, organizzazioni, reti, ONG, associazioni, fondazioni pubbliche e private, imprese, enti di ricerca e organismi accademici e partnership pubblico-private.

I progetti ammessi a partecipare saranno pubblicati e promossi attraverso la piattaforma web di Feeding Knowledge (www.feedingknowledge.net). Una giuria internazionale, composta da esperti del mondo scientifico e delle istituzioni valuterà e selezionerà i progetti in base ai criteri di: innovazione, impatto sociale, impatto ambientale, concretezza, trasferibilità e replicabilità, apertura, attrattiva, sostenibilità e disseminazione.

Per approfondimenti e per concorrere vai al sito dedicato www.feedingknowledge.net.

La tua azienda ha una best practice da raccontare? Partecipa al prossimo  business format sulla sostenibilità!

Tags: agroalimentare