<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Road-show 52esima edizione di Filo

52edizione-filo-yarns-international-nonsoloambiente

In vista della 52esima edizione di Filo che si terrà il 25 e 26 settembre 2019 a Palazzo delle Stelline a Milano, sono state presentate le proposte di sviluppo prodotto da Gianni Bologna, responsabile creatività e stile per Filo.Dopo la pre-view a Parigi, la prima tappa italiana è stata Biella, presso la sala Valetto dell’Unione Industriale Biellese, per poi arrivare a Milano (18 giugno) e Prato, come ultima tappa.
Il road-show per la presentazione di Filo è un’occasione irrinunciabile di incontro e ha offerto l’opportunità di presentare il FiloFlow, il progetto di sostenibilità di Filo. Come ha affermato Paolo Monfermoso, responsabile di Filo: “FiloFlow è un progetto di tracciatura della filiera, che vuole mettere in evidenza e valorizzare i processi di produzione e i prodotti sostenibili realizzati dai nostri espositori. È un progetto che ha un orizzonte di lungo periodo perché riteniamo che la sostenibilità ambientale e sociale sia una scelta obbligata per le aziende del tessile-abbigliamento - soprattutto quelle di fascia alta - che vogliono restare competitive a livello internazionale. Non a caso, gli espositori di Filo hanno accolto il progetto con entusiasmo”.

Vuoi scoprire di più sulla rendicontazione della sostenibilità d'impresa?  Scarica gratuitamente il nostro ebook!


La seconda parte del road-show di presentazione è dedicata all'illustrazione delle proposte sviluppo prodotto da Gianni Bologna, responsabile creatività e stile per Filo.
Bologna ha illustrato il fil rouge che lega l’intero progetto Metamorfosi, ispirato a tematiche naturali e al concetto di Ecosofia - concepito da Arne Naess, filosofo ambientalista ed alpinista. La natura è constante fonte di ispirazione, e lo è sempre stata. Tutta la presentazione è articolata in quattro parti intrecciate tra loro e costantemente sovrapposte, mai scandite da separazioni: animali, vegetali, minerali e temporali.
Bologna, infatti, asserisce che: “Si può parlare di “empatia” per rappresentare il distacco da un passato segnato dalla separazione tra l’uomo e il suo ambiente rispetto a una modernità e a un futuro che virano verso l’Ecosofia vissuta come fondamento per una reale armonia dell’umanità con il suo habitat. Oggi stiamo vivendo non tanto un’epoca di cambiamenti quanto un cambiamento d’epoca, di passo e di parametri. Per questo, dedichiamo le proposte di sviluppo prodotto al tema delle “Metamorfosi” (forse il grado massimo possibile di armonia), con l’intento di mettere in luce l’idea di compenetrazione e di interazione tra esseri e cose”.

L'appuntamento per la 52esima edizione di Filo è per il 25 e 26 settembre 2019 al Palazzo delle Stelline di Milano.

Scarica l'ebook gratuito: Come rendicontare la sostenibilità d'impresa!

Tags: CSR & imprese