<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Rinnovabili e consumi energetici: la classifica Eurostat dei paesi europei

rinnovabili_3 - nonsoloambiente

La pubblicazione dei dati Eurostat sulla quota di energie rinnovabili sul consumo lordo in Europa nel 2013 consente un bilancio. L'Italia si colloca a metà classifica, ma al di sopra della media europea, sfiorando con il 16,7% l'obiettivo fissato per il 2020.

Pubblicati i più recenti dati Eurostat sulla quota di energie rinnovabili sul consumo lordo in Europa, un bilancio è d'obbligo. Con un occhio attento alle performance del continente e dei singoli Stati in relazione agli obiettivi previsti per il 2020.

Nel complesso, l'Unione Europea può vantare una quota di energie rinnovabili che ha coperto il 15% dei consumi finali nel 2013, rispetto al 8,3% nel 2004, anno d'esordio del rilevamento. Attualmente, già tre Stati membri del'Unione (Bulgaria, Estonia e Svezia) hanno raggiunto i target fissati dalla direttiva per il 2020, ossia il 20% di consumo di energia da fonti rinnovabili nel mix energetico delle singole nazioni. Sono inoltre 13 i Paesi che hanno raddoppiato la loro quota di energie rinnovabili nel corso degli ultimi 10 anni.

Vuoi sapere quanto gli italiani sono informati sulle fonti rinnovabili? Clicca qui per scaricare l'abstract della ricerca

Come si affretta a specificare sul suo sito proprio l'Ufficio Statistico dell'Unione Europea, il target - da più parti ritenuto poco ambizioso- "tiene conto di nazioni che si trovano a diversi livelli". E in effetti la classifica si rivela piuttosto disomogenea, rivelando una Svezia in fuga solitaria, con dati che sfiorano il 52,1 % nel 2013. A seguire, a distanza, ci sono Lettonia (con il 37,1%), Finlandia (con il 36,8%) e Austria (32,6 %). Fanalini di coda sono invece Lussemburgo (3.6%), Malta (3.8%) e i Paesi Bassi (4.5%). Una menzione speciale, in negativo, va al Regno Unito: un Paese che, a dispetto di indiscusse potenzialità, risulta quartultimo con il 5.1%.

L'Italia si trova a metà classifica, ma al di sopra della media europea e mancando di soli 0.3 punti percentuali i target stabiliti per il 2020: nel 2013 il 16,7% dei consumi finali lordi di energia in Italia è stato infatti fornito da fonti alternative. "Si può dire che il nostro Paese ha già raggiunto l'obiettivo vincolante del 17% al 2020" ha dichiarato Staffetta Quotidiana - Quotidiano delle Fonti di Energia, commentando i dati.

Più lontana la meta per quel che riguarda il secondo obiettivo fissato dalla strategia Europa 2020: la quota di carburanti per autotrazione da fonti rinnovabili. Visti i risultati trionfali, non stupisce che anche in questo settore la Svezia sia stato l'unico Paese membro dell'UE ad avere già superato di slancio l'obiettivo dei trasporti del 10%, con il 16,7 % di energie rinnovabili nel settore dei trasporti nel 2013. La Finlandia, con il suo 9,9%, era ad un passo dal traguardo. La maggior parte degli altri Stati, invece, è circa a metà strada. L'Italia nel 2013 si collocava in questo gruppo, raggiungendo con precisione matematica la quota del 5% sull'obiettivo finale del 10%.

Scarica l'ebook gratuito!  Strategia Energetica Nazionale, sfide e potenzialità dell'Italia verso il 2030

Tags: rinnovabili