<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

POINTs: FIPER

f.hubspotusercontent40.nethubfs4354644social-suggested-imagesf.hubspotusercontent40.nethubfs4354644immagine per rubrica - ASSOCIAZIONI CATEGORIA--1

Per la rubrica POINTs di oggi, viene pubblicato il contributo di FIPER

Biomasse e biogas contro l’aumento dei prezzi dell’energia

Righini: " Il rischio è che i danni del terremoto energetico siano molto costosi, se non si interviene in tempo"

Per evitare di rendere molto costosi i danni del “terremoto energetico” scatenato dall’aumento dei prezzi di elettricità e gas, è necessario colmare con urgenza l’attuale “assenza” dal PNRR di biomassa, biogas e pompaggi idroelettrici per la produzione di elettricità ed energia termica. Da dicembre 2020 a gennaio 2022, infatti, il prezzo dell’energia elettrica ha registrato un incremento del 751%, mentre quello del gas si è attestato a +599% nello stesso periodo, il tutto senza la possibilità di prevedere in futuro un ritorno ai prezzi degli anni scorsi. Questa situazione ha generato importanti ripercussioni per le famiglie, ma soprattutto per le aziende, che iniziano ad avvertire segnali di crisi per gli altissimi costi energetici.

Un ruolo chiave nel delineare questo scenario è stato rivestito dalla politica energetica del nostro Paese, che per decenni si è focalizzata su un sostegno spregiudicato al settore gas, una fonte per oltre il 90% importata dall’estero e impiegata in modo rilevante anche per la produzione di elettricità. A ciò si aggiunge, inoltre, una mancata accelerazione nell’impiego delle rinnovabili, oggi più interessanti economicamente, anche se incentivate.

In questo contesto, FIPER ha individuato una serie di proposte concrete. In primo luogo, chiediamo di attivare l'economia circolare reale e a km 0, incentrata sulla produzione di energia termica ed elettrica con impianti di teleriscaldamento a biomassa, impianti di cogenerazione e comunità energetiche. Nello specifico, riteniamo che il potenziale delle biomasse legnose non sia valorizzato adeguatamente nel PNRR. Si prevede, infatti, nell’intero settore del teleriscaldamento efficiente, un investimento entro il 2026 di €.200 mln per uno sviluppo di 330 Km di reti e la realizzazione di impianti o allacciamenti per una potenza di 360 MW termici. Si tratta di numeri che potrebbero tranquillamente essere moltiplicati per dieci, aggiungendo la realizzazione di impianti cogenerativi.

Un altro tema chiave è la riconversione di impianti a biogas per energia elettrica in impianti per la produzione di biometano. Attualmente è in corso di definizione il nuovo decreto biometano, che coordinerà i sistemi di incentivazione con i contributi del PNRR per la realizzazione di nuovi impianti di biometano e la riconversione degli impianti a biogas esistenti in impianti a biometano per un importo di €. 1.923 mln. Tuttavia da un’indagine da noi svolta presso i nostri associati produttori di biogas per energia elettrica, emerge come permangano importanti criticità, tra cui la distanza delle reti del metano dal punto di produzione del biometano (zone rurali). In particolare, secondo i dati, solo il 10% degli attuali impianti a biogas potrà produrre biometano.

Un punto fondamentale, alla luce degli attuali sviluppi del costo dell’energia, è, quindi, quello di garantire continuità agli impianti a biogas post periodo di incentivazione, produrre direttamente energia elettrica da immettere in rete e, soprattutto, incentivare la realizzazione di nuovi serbatoi di accumulo del biogas. Questa semplice modifica al regolamento attuale, permetterebbe di raddoppiare la produzione elettrica nelle ore di punta, riducendo l’inutile produzione in ore di bassa richiesta. Infine sottolineiamo l’importanza, per un futuro di energia pulita, dalle centrali idroelettriche ad accumulo di pompaggio, la forma di accumulo di energia più conveniente, con bassi rischi e bassi co- sti operativi.

Dal mese di febbraio abbiamo introdotto la rubrica POINTs, dedicata a raccogliere ed ascoltare le associazioni di categoria in merito a dati, notizie di attualità nonché decreti legislativi e norme di riferimento in quanto - consapevoli del potere e del diritto di rappresentanza che esercitano - riteniamo siano stakeholder primari e di riferimento per fornire al lettore un punto di vista necessario, frutto di una competenza residente.

Tags: Rubriche, POINTs