<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Obiettivi ambientali 2020 falliti, ma è in arrivo una svolta?

Obiettivi ambientali 2020 falliti, ma è in arrivo una svolta

Sarà l’emergenza Covid-19 a porre le basi per la transizione energetica e la sostenibilità che l’Italia ancora fatica a raggiungere?

Il 3 giugno scorso l’Ispra, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, ha presentato l’Annuario dei dati ambientali 2019, in un evento durante il quale sono state tirate le somme sullo stato di salute dell’Italia. Nel corso dell’incontro si è discusso anche sui dati del SOER 2020 - State of the Environment Report, e del Rapporto Ambiente di Sistema, la più autorevole fonte di informazione ambientale relativa all'Italia. All'evento hanno partecipato, in collegamento streaming, il Presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli e il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Le parole del premier sono state incentrate sulla situazione delle politiche ambientali in Italia, mettendo in evidenza quanto “l’attenzione per l’ambiente gioca un ruolo determinante”. Nel suo discorso il Presidente ha fatto riferimento al miglioramento delle condizioni ambientali durante il lockdown:

"Questo appuntamento era programmato, se ben ricordo, a fine febbraio, quindi è stato differito per la chiara emergenza sanitaria, con tutte le drammatiche conseguenze che sta producendo sul piano dei decessi e anche del blocco delle attività produttive, logistiche ed economiche. È una restrizione forzata ci ha però restituito un dato parzialmente positivo, cioè il temporaneo miglioramento delle condizioni ambientali, in particolar modo della qualità dell’aria. Ovviamente non possiamo fidare in casi straordinari, in circostanze ed eventi estremi ed emergenziali; dobbiamo lavorare noi per raggiungere e perseguire questo risultato”.

Cosa pensano gli italiani della sostenibilità? Scoprilo con l'ultimo  Osservatorio sulla sostenibilità!

Proprio in riferimento a questo tema, un report di RSE - Ricerca Sistema Energetico ha evidenziato come il lockdown imposto dal Covid-19 abbia avuto degli effetti positivi sulla qualità dell’aria in Lombardia, notoriamente una delle zone, insieme a tutta la Pianura Padana, più colpite dalla piaga dell’inquinamento. In particolare lo studio ha preso in esame le quantità di biossido di azoto NO2, conseguenza del traffico, rilevandone un calo della concentrazione nell'aria di circa il 30%. È evidente quindi che la mobilità deve essere uno dei temi centrali nel processo di transizione energetica che, come dichiarato dal Presidente Conte, ha su di sé la massima attenzione del Governo.

“L’ambiente – ha affermato il Premier - deve essere integrato in qualsiasi politica a qualsiasi livello, perché il legame dell’ambiente con il nostro vivere è profondo”. Il premier ha inoltre ricordato come il ruolo di Sergio Costa, Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, sia centrale in questa particolare fase storica in cui l’ambiente è un perno fondamentale attorno a cui devono necessariamente ruotare le azioni politiche.

Conte ha anche ricordato la realizzazione di Benessere Italia, ovvero di quella che lui ha definito una cabina di regia che lo affianca alla Presidenza del Consiglio. Il ruolo di questa nuova istituzione tecnico-scientifica è quello di fornire una valutazione su ciascuna azione e iniziativa intrapresa dal Governo in termini di ambiente e sostenibilità. Stando alle parole del Presidente Conte, l’obiettivo del Governo è di raggiungere il 7° Programma di Azione per l’Ambiente: “Vivere bene entro i limiti del pianeta con una economia circolare senza sprechi dove la biodiversità sarà protetta, in una società sicura e sostenibile”. 

Il 7° programma d’azione per l’ambiente, adottato nel 2013, si occupava di definire gli obiettivi che l’UE avrebbe dovuto raggiungere sul piano ambientale entro il 2020. Proprio il Soer 2020 ha messo in luce che tali obiettivi non sono ancora stati raggiunti e nemmeno lo saranno nei prossimi mesi. Tuttavia dallo studio emerge la concretezza della possibilità di mettere una toppa a questa sconfitta per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità fissati per il 2030 e il 2050.

Scarica l'eBook: 4 premi per la sostenibilità ambientale

Tags: Studi e ricerche