<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Avvelenamento da piombo: la prevenzione secondo l'OMS

oms e piombo - nonsoloambienteL'Organizzazione Mondiale della Sanità ha già lanciato l'allarme: registrati 853 mila decessi per le conseguenze dell'avvelenamento da piombo in tutto il mondo.

Dal 23 al 29 ottobre ha avuto luogo la settimana internazionale per la prevenzione dell'intossicazione da piombo promossa dall'OMS. Il piombo, naturalmente presente nella crosta terrestre, è un metallo altamente tossico: è stato stimato, infatti, che nel 2013 circa 853 mila persone in tutto il mondo abbiano perso la vita a causa degli effetti collaterali legati alla prolungata esposizione a questa sostanza.

Quali sono le ultime norme e decreti in campo ambientale? Scoprilo scaricando  l'ebook gratuito!

Il piombo è presente in diversi prodotti di uso comune come gioielli, cosmetici, giocattoli, medicinali, carburanti e vernici. Sono proprio queste ultime l'oggetto centrale della campagna dell'OMS, che ha come obiettivo la sensibilizzazione dei governi sul tema dell'avvelenamento da piombo derivante dalle vernici e la prevenzione dei suoi effetti nocivi per la salute.

A tal proposito, già nel 2011 si costituì un'Alleanza globale per l'eliminazione della vernice al piombo, che prevedeva la revisione da parte dei governi delle normative nazionali che disciplinano la fabbricazione, la distribuzione e la vendita di vernice al piombo e dei suoi derivati. Questa revisione doveva portare, entro il 2020, alla nascita di un complesso di leggi internazionali che bandissero gradualmente tutte le vernici contenenti piombo dal mercato mondiale. In realtà, da un sondaggio che l'OMS ha effettuato nel giugno 2016, è emerso che solamente 62 paesi hanno attuato normative efficaci all'inibizione della produzione di vernici al piombo. È estremamente importante che i Governi prendano coscienza delle ripercussioni che l'avvelenamento da piombo può avere sulla nostra salute: in un adulto, l'esposizione prolungata può aumentare il rischio di ictus, ipertensione e danni renali irreversibili.

Particolarmente vulnerabili, però, sono i bambini e le donne in gravidanza: il contatto con questo metallo causa, nei bambini, gravi danni al cervello e al sistema nervoso mentre, nelle donne incinte, aumenta l'incidenza di aborto spontaneo o di gravi malformazioni al feto.

Prevenire l'avvelenamento da piombo è fondamentale per la nostra salute: ci auguriamo che l'invito dell'OMS venga raccolto dai governi e che vengano vagliate al più presto nuove misure restrittive.
Scarica l'ebook: Aggiornamenti normativi in Italia in ambito ambientale

Tags: Diritto e Legislazione