<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Le interviste del Direttore: Giuseppe Manno

Le interviste del direttore Giuseppe Manno

Intervista a Giuseppe Manno, Founder di Apicolturaurbana.it

Nonsoloambiente.it si pone da sempre come obiettivo quello di fornire un’informazione chiara e contestualizzata su primari argomenti di attualità che abbiano ricadute dirette o indirette sull'ambiente. La rubrica, realizzata su base settimanale e pubblicata nella giornata del martedì,  si basa sulla realizzazione di interviste condotte dal direttore in modo autonomo o a fronte di valutazione di temi o iniziative particolari, corredati di dati. Per informazioni scrivete a: direzione@nonsoloambiente.it

Apicolturaurbana.it è un progetto volto a tutelare le api. Da cosa è nata l’idea e perché avete deciso di tutelare proprio questa tipologia di insetti?

Mi sono avvicinato al mondo dell’apicoltura nei primi anni del 2000, ero curioso di capire da dove provenisse quel prodotto meraviglioso che usavo tutte le mattine per fare colazione: il miele. Grazie ad un esperto apicoltore ho cominciato ad avvicinarmi a questo mondo e ne sono rimasto rapito: la perfezione della natura è presente in tante cose che ci circonda ma nel caso delle api è ancora più evidente ed affascinante, forse perché il loro essere ancora “selvatiche” ma al tempo stesso “addomesticate” ci permette di guardarle da vicino e scoprirne tutti gli aspetti più curiosi e speciali. Da li sono partito, la bellezza che raccontavano questi insetti non poteva essere una cosa di pochi ma doveva essere condivisa. La loro organizzazione, il modo in cui lavorano e comunicano creano una consapevolezza straordinaria sull’importanza dell’ambiente che ci circonda e la fragilità di esso. Il cambiamento climatico negli anni in cui facevo apicoltura tradizionale ci ha lanciato dei segnale molto evidenti sul fatto che qualcosa si era incrinato; le api non stavano più bene in campagna e così, spinti anche da quello che succedeva in altri paesi del mondo, abbiamo deciso di portarle in città. L’ambiente cittadino, potrà sembrare assurdo, ma si presta perfettamente per le api: esiste una biodiversità di fiori straordinaria e lo smog non è un problema per le api. Così abbiamo deciso nel 2016 di lanciare questo progetto con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi della scomparsa delle api ricongiungendo i cittadini con la natura attraverso le api. Le api da miele e quelle selvatiche sono tra gli insetti più importanti per l’impollinazione dei nostri frutti, si stima che a livello europeo l’85% delle colture agricole abbiano bisogno di questo insetto, per questo motivo abbiamo scelto di usarli come veicolo di comunicazione del dramma che stava succedendo a seguito del declino degli insetti impollinatori.

Vuoi scoprire di più sulle imprese e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile?  Scarica gratuitamente l'abstract del nostro eBook!

Apicolturaurbana.it offre diversi servizi nella cura e gestione degli alveari sia per le aziende che per i privati. Quali sono? Cosa occorre per poter svolgere l’attività di apicoltura presso il proprio giardino? E’ un’attività che comporta ingenti spese?

Le aziende che decidono di fare qualcosa di concreto nei confronti di questi insetti si possono rivolgere a noi per installare nei loro spazi (giardini, terrazzi o tetti) piccoli apiari (insieme di alveari) che vengono totalmente seguiti dai nostri esperti apicoltori presenti nelle principali città Italiane. Oltre ad una piccola produzione di miele etichettato con il logo dell’azienda, in genere donato ai dipendenti o fornitori, organizziamo workshop aziendali sul mondo delle api, creiamo attività didattiche di contatto con le api per creare consapevolezza e sensibilizzazione verso temi fondamentali quali l’importanza della biodiversità e dell’impollinazione. E’ possibile usare le api anche come sentinelle dell’ambiente attraverso il bio-monitoraggio ambientale e l’analisi dei polline nel miele. Per i privati abbiamo realizzato un kit che contiene tutta l’attrezzatura per cominciare, incluso nel kit c’è un video corso da noi realizzato dove spieghiamo in modo semplice e chiaro come prendersi cura di una famiglia di api nel giardino di casa, senza stress o pericoli, cerchiamo dopotutto di riportare quell’allevamento casalingo che i nostri bis-nonni hanno sempre fatto. E’ possibile partire con poche centinaia di euro ma la cosa più importare è avere uno spazio adatto per posizionare gli alveari nel rispetto della normativa vigente e della sicurezza di persone e vicini di casa: un giardino privato di almeno 30mq è l’ideale, meglio evitare luoghi condominiali o spazi molto frequentati; sebbene le api non siano così aggressive come si pensi è bene rispettare sempre opportune distanze di sicurezza.

L’Italia è uno dei paesi più ricchi in termini di biodiversità. Credete che i fondi e le risorse messe a disposizione per il settore siano sufficienti? Cosa occorrerebbe, a vostro avviso, per creare una maggiore attenzione al settore ambientale?

Purtroppo i fondi messi a disposizione sono molto pochi, questo conferma che non è ancora chiara la situazione di allarme in cui viviamo; parlando di insetti si sono registrati cali dell’80% nel giro di pochi decenni, molte specie spariranno nel giro di poco ma a pochi interessa perché gli insetti vengono sempre associati al fastidio o il disgusto. Purtroppo però non dobbiamo dimenticare che sono alla base di moltissime catene alimentari, non stupiamoci per esempio della scomparsa di molti uccelli, pipistrelli e altre specie di animali che dipendevano dagli insetti. Occorre maggiore consapevolezza e diffusione della cultura sul mondo degli insetti, è necessario coinvolgere le nuove generazione e gettare le basi di una tutela che parte dal basso: dall’introduzione di aree verdi dedicate passando per sfalci controllati in contesto cittadino passando da piantumazione anche casalinghe per aiutare gli insetti impollinatori a sopravvivere.

Giuseppe Manno 
Ha lavorato nel settore delle vendite online da quasi 20 anni partecipando attivamente alla crescita di aziende come ePRICE e Terashop. E' una persona poliedrica e curiosa: nasce come musicista, con varie pubblicazioni alle spalle, a dire il vero di scarso successo. Poi si dedica al teatro diplomandosi come attore professionista. E' apicoltore dal 2004, da lì l'idea di unire la sua passione al mondo digital fondando il progetto Apicolturaurbana.it con lo scopo di avvicinare persone comuni e aziende al mondo delle api. Oggi guida progetti di apicoltura urbana per grandi realtà aziendali come Barilla, IREN, ENEL X e molte altri.

Scarica l'ebook gratuito: Come rendicontare la sostenibilità d'impresa!

Tags: Rubriche, Le interviste del Direttore