<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

L'angolo del Comitato Scientifico: Fabrizio Masia

COMITATO - MASIA

Per la rubrica "L'angolo del Comitato Scientifico", dedicata a commenti e approfondimenti di natura istituzionale e aziendale, pubblica e privata, oggi viene pubblicato il contributo di Fabrizio Masia, Amministratore Delegato e Partner di EMG Different

I tempi sono cambiati. I concetti di «sostenibilità» e «ambiente» sono diventati sempre più importanti, ma ancora la strada è lunga.
L’indagine effettuata tra la popolazione maggiorenne da Emg Different rivela infatti la centralità dei temi ambientali (20% citazioni tra le priorità per la società) e delle fonti rinnovabili (18%), oggi ben più importanti rispetto al passato e quasi della medesima rilevanza di tematiche quali il lavoro (60%) , lo sviluppo economico e la sanità (entrambi 37%).
Tuttavia – come detto – l’obiettivo di rappacificazione uomo-ambiente è ancora assai impervio: solo un italiano su cinque si sente «molto informato» sulle problematiche ambientali, un minoritario venti per cento ne parla con assiduità e meno di un nostro concittadino su tre si dichiara «molto attento e rispettoso» verso l’ambiente.
Tutto ciò si traduce in comportamenti che, se rispetto a solo pochi anni fa suonano come il massimo del virtuosismo, ancora non sembrano sufficienti. L’impressione è che, soprattutto in merito alle modalità di acquisto, siano ancora troppo pochi gli italiani attenti all’ecologia e alla sostenibilità dei prodotti e servizi comprati (acquisto di prodotti bio 27% citazioni, equo solidali 26%, a basso impatto ambientale 44%, a Km zero o con confezioni ecologiche 45%).
La profonda immersione in noi stessi determinata dalla pandemia e dalla guerra certamente ci aiuterà a velocizzare il nostro cammino verso il totale abbraccio alla natura. Restiamo ottimisti.

Tags: Rubriche, L'angolo del Comitato Scientifico