<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

In India una startup trasforma l’inquinamento in piastrelle

In India una startup trasforma l’inquinamento in piastrelle

La startup di Mumbai Carbon Craft Design ha sviluppato una tecnologia che trasforma le emissioni di carbonio in piastrelle.

L’India è uno dei Paesi più inquinati al mondo. Secondo gli esperti, l’aria carica di emissioni dannose delle città indiane è responsabile della morte di circa un milione di persone ogni anno. Una delle fonti inquinanti più rilevanti è l’industria del mattone. L’Asia meridionale è il secondo produttore di mattoni al mondo: le fornaci impiegate per la produzione sono responsabili del 20% delle emissioni di carbonio a livello globale. Ridurre le emissioni genererebbe un grande impatto nella battaglia per il clima, agendo direttamente sul fenomeno del riscaldamento globale. In generale, il settore edile è uno dei più inquinanti in assoluto. Spinto da questi dati così drammatici sul Paese, l’architetto indiano Tejas Sidnal ha progettato un’innovazione per trasformare le emissioni di CO2 in piastrelle, lanciando Carbon Craft Design.


Come vengono trasformate le emissioni di carbonio in piastrelle

Il procedimento messo a punto da Carbon Craft Design è estremamente efficiente e prevede l’utilizzo di un dispositivo capace di filtrare il particolato e pulire l’aria da agenti inquinanti come metalli pesanti ed elementi cancerogeni. Il carbonio che viene intrappolato dal dispositivo viene depurato dai metalli tossici e poi fuso con una miscela di cemento e marmo, al fine di realizzare le piastrelle. Per recuperare grandi quantità di carbonio da impiegare nelle piastrelle, Sidnal e il suo team sono partiti dallo smaltimento degli pneumatici usati , investendo sul processo di degradazione termica della pirolisi.

Vuoi saper di più sul Green deal europeo e sugli obiettivi di  decarbonizzazione 2050? Scarica gratuitamente il nostro ebook!


Le sfide

La piastrella di Sidnal è senza dubbio una grande innovazione nel settore dell’architettura. Tuttavia, la startup indiana dovrà ancora affrontare diverse sfide per la commercializzazione delle piastrelle su larga scala. “Innanzitutto, è difficile uniformare il colore delle piastrelle perché l'inquinamento in ogni luogo non sarà lo stesso” - ha raccontato Sidnal a TheBetterIndia - “Ad esempio, l'emissione sarà diversa per ciascuno dei combustibili, il che significa che ci sarà una differenza anche nei componenti. Di conseguenza, quando viene lavorata, si riscontrerà una variazione nel colore della polvere". Anche la poca consapevolezza dell’importanza della sostenibilità nel settore edile può rappresentare una battuta d’arresto. Tuttavia, c’è da dire che la sensibilità generale sul tema sta lentamente ma inesorabilmente cambiando.


I primi clienti

Dal lancio delle sue prime piastrelle nel 2020, Carbon Craft Design ha conquistato già l’interesse di molti marchi di moda internazionali e studi di architettura in India. Nel novembre 2020, le piastrelle fatte con l’inquinamento sono state impiegate in uno store Adidas a Mumbai, coprendo le pareti e il pavimento con le sue piastrelle in carbonio. Secondo l'architetto Manan Gala, titolare di Bombay Contractors, l’azienda che ha negozio Adidas, "il prodotto ha una resistenza migliore rispetto alle piastrelle di cemento convenzionali a causa del contenuto di carbonio e la sensazione grezza aggiunge ancora più fascino alla piastrella".

Comunica su Nonsoloambiente.it le iniziative della tua azienda volte a  contrastare i cambiamenti climatici!

Tags: cambiamenti climatici