PlasticRoad: sperimentazione in India e in Olanda

Foto: VolkerWessels ©

Pronti a dire addio al tradizionale asfalto? Le PlasticRoad sono le strade del futuro: arrivano dai Paesi Bassi e sono costruite con plastica riciclata, per essere più sicure, sostenibili e durature.

L’asfalto? Roba antica. Le strade del futuro saranno fatte di plastica: lo afferma la società olandese VolkerWessels, impegnata nel completamento di un prototipo di manto stradale realizzato a partire dalla plastica riciclata. Tra i vantaggi preannunciati della PlasticRoad c’è un minore rischio di apertura di voragini e dunque una maggiore sicurezza, una maggiore capacità di drenaggio in caso di pioggia, un manto stradale più leggero e più facile da posare grazie alla struttura modulare prefabbricata, minore necessità di manutenzione rispetto all’asfalto tradizionale e una durata di vita fino a tre volte superiore.

L’impatto ambientale, inoltre, è ulteriormente ridotto grazie all’uso di materia prima di scarto, ovvero plastica riciclata, materiale che aiuta a contrastare anche la formazione delle isole di calore nelle aree urbane dal momento che rilascia molto meno calore rispetto all’asfalto tradizionale.

VorkelWessels dunque si prepara ad essere la prima società a sviluppare un asfalto in materiale plastico riciclato al 100% su larga scala, dopo aver già raggiunto un importante primato: l’azienda olandese supporta la campagna Ocean Cleanup, nota online per essere la campagna di crowdfunding di maggior successo. Il progetto è dedicato al recupero di rifiuti plastici dagli oceani, che ora possono essere sfruttati come materia prima e diventare strade ecosostenibili.

Vuoi scoprire in che modo i rifiuti tecnologici possono diventare un driver  dell'economia circolare? Scarica l’ebook sui RAEE!

Il progetto PlasticRoad, attualmente in via di sviluppo a Rotterdam, è portato avanti in collaborazione con Total e con Wavin, società di riciclo della plastica e specializzata nella produzione di prodotti in materiale plastico riciclato per il drenaggio dell’acqua piovana.

Pioniera in Europa, la VolkerWessels non è l’unica azienda al mondo: in India, seppur con tecnologie diverse, le strade costruite in plastica riciclata sono già realtà. La plastica, in questo caso, è utilizzata in commistione con l’asfalto, per creare un manto stradale più sicuro e in parte più sostenibile, anche se non completamente privo di materia prima tradizionale.

In questo modo l’India sta cercando di rispondere a un problema oltremodo urgente: si tratta del Paese con la rete stradale con più km al mondo, ma anche del Paese con più incidenti stradali. I nuovi manti con materiale plastico vogliono quindi rispondere sia ad esigenze ambientali, sia ad esigenze di sicurezza. Lo scorso ottobre, il Governo indiano ha annunciato un investimento di 11 miliardi di dollari per la costruzione di 83,677 km di strade in asfalto e plastica nel corso dei prossimi cinque anni.

Scarica l'ebook gratuito: Rapporto RAEE 2017, tutti i dati della raccolta

Tags: Economia Circolare