<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

La Svezia premia il riciclo: sgravi fiscali a chi recupera invece di buttare

sgravi fiscali svezia - nonsoloambiente

Il governo svedese sta vagliando una proposta di governo mirata a sostenere la politica del recupero e del riciclo con incentivi e sgravi fiscali. La manovra si inserisce in una strategia mirata a ridurre l’impronta di carbonio del Paese. 

Oggetti usurati, vecchi o rotti. Cosa farne? Gettarli via e comprarne di nuovi come il carosello consumistico degli ultimi decenni ha ossessivamente ripetuto o dare retta al concetto, rivoluzionario e reazionario insieme, di economia circolare e provare a recuperarli? La Svezia non ha dubbi e sceglie un teorema semplice quanto seducente: più ricicli, meno paghi.

Si tratta di una proposta lanciata dai Verdi e dai Socialdemocratici svedesi, che verrà vagliata dal governo a dicembre. In caso di approvazione, il disegno diventerà legge dal 10 gennaio 2017. A quel punto, scegliere la strada del riciclo, riparare, dare nuova vita a cose che sembrano averla perduta frutterà alle piccole aziende e ai singoli cittadini una riduzione sulle tasse, che si tradurrà in un taglio dell’IVA dal 25% al 12% e in ulteriori sgravi fiscali.

Quali sono le ultime norme e decreti in campo ambientale? Scoprilo scaricando  l'ebook gratuito!

”Se vogliamo risolvere i problemi di sostenibilità ambientale dobbiamo lavorare sui consumi” spiega Per Bolund, Ministro delle Finanze. Gli incentivi si inseriscono nella strategia del governo per ridurre la propria impronta di carbonio: nonostante, complessivamente, la nazione abbia ridotto del 23% le proprie emissioni di CO2 rispetto a valori del 1990, quelle legate al consumo hanno infatti continuato a crescere.

“Le emissioni provenienti dalla Svezia che influenzano il clima sono in diminuzione, ma le emissioni da consumo sono in aumento. Oggi i consumatori sono attivi nel voler ridurre l’impatto ambientale e acquistano più alimenti biologici o danno valore all’economia della condivisione, quella circolare del riciclo. Dobbiamo spingere su questo” ha aggiunto Bolund.

In quest’ottica, cambia il modo di concepire e misurare il valore delle cose: dall’abbigliamento agli oggetti hi-tech, dagli elettrodomestici ai complementi d’arredo, tutto può essere soggetto a recupero ed essere riparato, in una lotta allo spreco e all’usa-e-getta che, anziché essere scoraggiato com’è capitato in passato, assume la forma del vantaggio economico a 360°.

Sì perché, secondo i calcoli effettuati, la nuova politica porterebbe alla Svezia un risparmio di 200 milioni l’anno, al netto degli incentivi statali destinati alle piccole imprese e ai cittadini. Allo stesso tempo, a fronte di un calo delle vendite dei nuovi prodotti, l’operazione sarebbe in grado di offrire nuovi posti di lavoro a tutta una serie di soggetti specializzati nell’arte del riciclo e del recupero.

Rifiuti evitati all’origine, un modello educativo che punta al risparmio di risorse e un ritorno economico a tuttotondo: se il caso della Svezia si rivelerà vincente, si potrà finalmente smettere di considerare l’economia lineare come unica via per evitare il tracollo, e a ragion veduta accostare all’innegabile valore socio-ambientale dell’economia circolare la caratteristica di poter diventare un’alternativa reale, sostenibile e persino redditizia.

Scarica l'ebook: Aggiornamenti normativi in Italia in ambito ambientale

Tags: Diritto e Legislazione