<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

I cittadini di 27 stati dell’Unione Europea dicono la loro sui rifiuti

progetto-voices-rifiuti-come-risorsa-ricerca-27-paesi-ue-nonsoloambiente

Grazie al Progetto VOICES (Views, Opinions and Ideas of Citizens in Europe on Science), i cittadini di 27 stati membri dell’UE per la prima volta influenzano in modo diretto il programma di ricerca dell’Unione Europea attraverso una serie di consultazioni, finanziate dalla Commissione Europea e condotte da science center e musei scientifici.

Il progetto VOICES (Views, Opinions and Ideas of Citizens in Europe on Science) è una consultazione su scala europea di durata annuale che ha coinvolto 1000 cittadini per esplorare il concetto dei rifiuti come risorsa. I risultati della consultazione saranno utilizzati dalla Commissione Europea per delineare le priorità dell’Europa riguardo la ricerca su come la dismissione dei rifiuti urbani venga gestita.

VOICES mostra che science centres e musei scientifici sono luoghi dove le persone possono riunirsi e affrontare temi cruciali per la società” dice Marzia Mazzonetto, Senior Project Manager of Ecsite, coordinatrice del progetto. “Inserendo i risultati delle nostre consultazioni nel suo programma di ricerca, l’Unione Europea garantisce che i cittadini vengono ascoltati”.

Cosa pensano gli italiani della sostenibilità? Scoprilo con l'ultimo  Osservatorio sulla sostenibilità!

Le priorità emerse dai focus groups sono:

-          la necessità di un packaging 100% riciclabile o biodegradabile;

-          la necessità di nuove tecnologie per rendere il riciclo casalingo più semplice;

-          l’incenerimento dei rifiuti per produrre energia.

I cittadini hanno inoltre presentato idee innovative – come ad esempio “cestini intelligenti” per il riciclaggio – e proposto nuove direzioni per la ricerca europea sulla gestione dei rifiuti.

La Commissione Europea è sempre alla ricerca di vie per portare l’Europa più vicina ai propri cittadini e per fare sì che i risultati di ricerca e innovazione possano andare meglio incontro alle aspettative e ai bisogni della società” dice Gilles Laroche, a capo del Unità “Ethics and Gender” presso la DG Research and Innovation della Commissione Europea. “Science center e musei scientifici sono interfacce uniche per mettere in collegamento ricercatori e amministratori con il pubblico generico. L’iniziativa pilota VOICES ha dato ai cittadini europei un’opportunità unica e senza precedenti per contribuire alla definizione delle priorità della ricerca in Horizon 2020”.

Al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano sono stati condotti a fine marzo 2013 tre focus group con cittadini di differenti fasce d’età, formazione e provenienza. L’obiettivo del Museo è stato innanzitutto coinvolgere i cittadini italiani nella definizione delle priorità della ricerca europea su un tema così importante come quello dei rifiuti urbani e dell'innovazione.

I dati ottenuti sono stati analizzati non solo nel contesto del progetto VOICES ma sono stati anche utilizzati dal Museo nella progettazione della nuova sezione espositiva interattiva “Da cosa nasce cosa. Il ciclo di vita dei prodotti”, inaugurata a fine settembre 2013.

Scarica l'eBook: 4 premi per la sostenibilità ambientale

Tags: Studi e ricerche