<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Speciale Salone CSR: intervista a Daniele Pernigotti - Aequilibria

danielepernigotticsr

Quali sono gli strumenti per quantificare e comunicare l’impronta climatica di un prodotto? Ne parliamo con Daniele Pernigotti, consulente ambientale e autore del libro "Carbon Footprint. Calcolare e comunicare l’impatto dei prodotti sul clima" 

La recente introduzione della normativa internazionale ISO/TS 14067 ha finalmente fissato uno standard internazionale per la Carbon footprint di prodotto (CFP), vale a dire il sistema in base al quale è possibile calcolare l'emissione complessiva di anidride carbonica associata a ciascun prodotto lungo tutto il suo ciclo di vita, dalla fabbricazione alla dismissione.

Giornalista e consulente ambientale, Daniele Pernigotti è anche coordinatore del Gruppo di lavoro nazionale dell’UNI sui gas serra e delegato internazionale in ambito ISO. Esperienza che lo ha portato a seguire da vicino lo sviluppo della nuova normativa ISO/TS 14067 relativa alla Carbon footprint di prodotto, che prevede anche una parte importante dedicata alla comunicazione di questo valore al consumatore finale.

Intervistato in occasione del Salone CSR e Innovazione Sociale, Pernigotti sottolinea anche l'opposizione di alcuni Paesi in via di sviluppo (India in particolare) rispetto all'introduzione di questo standard, visto come una fonte di possibile svantaggio competitivo.

Guarda l'intervista a Daniele Pernigotti , Consulente ambientale Aequilibria

  

Scarica l'ebook gratuito: Come rendicontare la sostenibilità d'impresa!

Tags: CSR & imprese