Nasce la comunità "Rifiuti Zero"

garbage-can-1111448_1920

Sabato 13 Ottobre 2012 è stata ufficialmente costituita la “Comunità Rifiuti Zero”

L’associazione è stata costituita a Capannori, primo comune ad aver aderito alla strategia internazionale Rifiuti Zero. Ad essa hanno aderito 107 Comuni Italiani e molte associazioni tra cui quella dei Comuni Virtuosi.

L’associazione “Comunità Rifiuti Zero” si pone come obiettivo di operare nel campo dell’assistenza, della formazione, della valorizzazione e della promozione della strategia Rifiuti Zero. L'associazione ha inoltre l’obiettivo di assistere le amministrazioni comunali che aderiscono nell’affrontare la questione del ciclo dei rifiuti, promuovere  campagne di sensibilizzazione e informazione sulle buone pratiche nell’ambito dei rifiuti e creare una rete per lo scambio di informazioni tra Pubbliche Amministrazioni e soggetti privati.

Sabato 13 Ottobre 2012 è stata ufficialmente costituita la “Comunità Rifiuti Zero”

Capannori, 46mila abitanti nel Lucchese, è stato il primo comune che, nel 2007, ha aderito alla strategia internazionale Rifiuti Zero. Oggi a Capannori la media della raccolta differenziata è all’82%, con punte di 90% nelle zone dove si applica la Tia puntuale: ogni famiglia paga per quanta indifferenziata produce.

 

Qual è l'attuale scenario italiano sulla gestione dei rifiuti? Scopri le iniziative per rendere più efficiente la raccolta

 

Durante l’incontro nazionale che ha visto l’approvazione dello statuto della “Comunità Rifiuti Zero” è intervenuto anche Paul Connett, professore americano che ha ripercorso la storia della Zero Waste in America e in Europa.

La strategia ideata da Connett ha dimostrato la propria validità non soltanto nei piccoli centri: negli Stati Uniti il metodo è stato infatti applicato con successo in alcune delle maggiori città, tra le quali San Francisco. Simili esperimenti sono stati fatti anche in Canada e Nuova Zelanda.

In Italia nel 2007 il Comune di Capannori ha adottato la delibera Rifiuti Zero. Dopo il comune lucchese altri Comuni italiani, sparsi dal nord al sud del Paese, hanno adottato la strategia Rifiuti Zero. Nel giro di un anno il numero di amministrazioni comunali che hanno aderito alla strategia ideata da Connett è raddoppiato facendo registrare un vero e proprio boom nel 2011.

Una curiosità, la provincia di Lucca è al terzo posto, dopo Napoli e Roma, tra le province più rappresentate, con 9 Comuni aderenti alla strategia Rifiuti Zero, ideata da Paul Connet, Capannori, Lucca, Borgo a Mozzano, Bagni di Lucca, Villa Basilica, Massarosa, Pietrasanta, Seravezza e Forte dei Marmi.

http://www.ilcambiamento.it/

Hai un servizio o prodotto ambientale? Scopri come sviluppare il tuo business!

Tags: Rifiuti