<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=688850&amp;fmt=gif">

Italiani in salute grazie alla biodiversità (che stiamo perdendo)

Gli italiani sono il popolo più sano al mondo grazie alla varietà alimentare offerta dalla dieta mediterranea, che però è sempre più a rischio: in 15 anni sono stati persi 140mila ettari di coltivazioni di alberi da frutto.

Un popolo sano, anzi, il più sano al mondo, e anche il più longevo: in testa alla classifica del Bloomberg Global Health Index basata sull’analisi di 163 Paesi ci sono proprio gli italiani. Il merito è principalmente della dieta mediterranea, una delle modalità di alimentazione con il più alto livello di varietà.  Il suo impatto positivo sulla salute è stato ampiamente documentato e riconosciuto anche in ambito scientifico, tanto che la dieta mediterranea è entrata a far parte del patrimonio immateriale dell’umanità Unesco.

Un tesoro che, però, negli ultimi decenni ha subito delle variazioni e che ora si trova a rischio, a causa della rapida perdita di biodiversità in agricoltura. L’allarme è stato recentemente lanciato da Coldiretti, in occasione della Festa degli Alberi, e riguarda soprattutto le piante da frutto: nel corso degli ultimi 15 anni sono scomparsi oltre 140mila ettari di piante di mele, pere, pesche, arance, albicocche e frutti minori, lasciando uno spazio sempre più ridotto alla biodiversità in tavola.

Vuoi sapere come comunicare le iniziative di sostenibilità ambientale della tua  azienda?Scarica gratuitamente il nostro ebook!

Guardando al secolo passato, si nota come il declino sia un fenomeno tutt’altro che sporadico: se nel Novecento l’Italia poteva vantare ben 8.000 varietà di frutta, oggi il numero è sceso a 2.000, con 1.500 attualmente in via di estinzione. La recente tendenza al recupero di cultivar antiche e un rinnovato interesse in tal senso da parte dei consumatori non è stato finora sufficiente a invertire la rotta.

Dopo anni di diminuzione dei consumi, infatti, il 2016 ha registrato un dato positivo, con un aumento degli acquisti di frutta pari al 2.1% rispetto all’anno precedente. La principale criticità, tuttavia, è ancora in attesa di soluzione: a far diminuire rapidamente le superfici destinate alla coltivazione di piante da frutto è il crollo del prezzo pagato ai produttori, i quali riescono con difficoltà a coprire i costi di produzione.

Il problema non può essere ignorato: la tutela di questa biodiversità non è un vezzo per il palato.  È la salvaguardia di un patrimonio unico al mondo, di una varietà che tutela l’equilibrio degli ecosistemi, nonché di una ricchezza alimentare capace di favorire la buona salute e la longevità.

Scarica l'ebook "Comunicare un brand green: 3 iniziative di marketing per gli  animali a rischio di estinzione" 

Tags: Biodiversità