Accordo Federfarma e associazioni di categoria per farmaci sostenibili

famarci-sostenibili-obiettivi20130 

Con un nuovo protocollo d’intesa, il settore farmaceutico italiano si prepara a raggiungere gli obiettivi di sostenibilità dell’Agenda 2030.

In Italia, il mercato dei farmaci nel 2017 ha prodotto un fatturato di 21.6 miliardi di euro, con una crescita del 2.9% rispetto all’anno precedente, secondo quanto documentato da IQVIA Italia. Numeri notevoli, che evidenziano la necessità di una chiara regolamentazione a favore della sostenibilità intesa nella sua accezione più ampia: ambientale, economica, sociale.

Guarda in questa direzione il nuovo protocollo d’intesa sul consumo sostenibile sottoscritto da Federfarma e undici associazioni (Adiconsum, Adoc, Asso-Consum, Assoutenti, Casa del consumatore, Confconsumatori, Lega consumatori, Movimento consumatori, Movimento difesa del cittadino, Udicon, Unione nazionale consumatori). L’accordo promuove iniziative di collaborazione tra le farmacie e Federfarma a sostegno degli obiettivi contenuti all’interno del “Manifesto per la sostenibilità consumeristica”, la carta di impegni che indica alcuni obiettivi consumeristici legati agli Sustainable Development Goals (Sdgs) dell'Agenda Onu 2030.

 Vuoi scoprire di più sulla rendicontazione della sostenibilità d'impresa?  Scarica gratuitamente il nostro ebook!

 

La sostenibilità dei consumi viene tradotta in una serie di punti cruciali del protocollo d’intesa: il corretto utilizzo dei farmaci, la lotta allo spreco, la trasparenza, la promozione dei farmaci equivalenti, la lotta alla contraffazione e vendite on line, la corretta formazione del prezzo dei farmaci: tutti questi obiettivi sono dunque strettamente correlati alla corretta e piena informazione dei consumatori e al sostegno di acquisti informati.

Punto estremamente importante è anche quello della lotta agli sprechi, intesa sia in termini di packaging e del relativo inquinamento ambientale, sia in termini di sprechi dei medicinali stessi, legati a una cattiva distribuzione. “Federfarma continua a lottare contro gli sprechi legati alla distribuzione diretta: le Asl, aperte poche ore al giorno e scomode da raggiungere, spesso consegnano quantitativi esagerati di farmaci, che finiscono inutilizzati se il paziente deve cambiare o interrompere la terapia. Con la distribuzione in farmacia, invece, i farmaci possono essere ritirati comodamente sotto casa e i consumi sono monitorati”, afferma Roberto Tobia, Tesoriere di Federfarma.

Dal punto di vista del packaging, buoni passi avanti sono già stati fatti: le più recenti disposizioni in merito hanno permesso di ridurre quasi a zero gli sprechi grazie all’utilizzo di imballaggi realizzati con materiali riciclabili all’infinito, come carta, alcuni tipi di plastica, alluminio. A sostegno dell’informazione per i consumatori e gli addetti ai lavori, Comieco ha realizzato una selezione di Best Pack, ovvero un lungo elenco con oltre 400 ecoimballaggi che promuovono un approccio sostenibile alla distribuzione e che include anche soluzioni per il mercato farmaceutico. 

 Scarica l'ebook gratuito: Come rendicontare la sostenibilità d'impresa!

 

Tags: CSR & imprese